Sei in: Home » Articoli
 » Multe

Oltre 10 milioni di euro di multa a Vodafone e Wind Tre

Condividi
Seguici

Pagheranno oltre dieci milioni di euro per pratiche commerciali scorrette nella promozione di offerte winback
cellulare telefono sms stalking molestie

di Gabriella Lax - Piovono pesanti le multe dall'Antitrust. L'autorità garante della concorrenza e del mercato ha sanzionato Vodafone e Wind Tre per oltre dieci milioni di euro per pratiche commerciali scorrette nella promozione di offerte winback.

  • 1. Antitrust, piovono sanzioni
  • 2. La violazione del Codice del consumo
  • 3. Il consumatore indotto in errore
  • Antitrust, piovono sanzioni

    L'Antitrust ha concluso due istruttorie nei confronti rispettivamente di Wind Tre S.p.A. e Vodafone Italia S.p.A., accertando violazioni del Codice del Consumo ed ha irrogato sanzioni per un importo di 4,3 milioni di euro a Wind Tre e di 6 milioni di euro a Vodafone.

    La violazione del Codice del consumo

    In particolare, secondo l'Autorità, Wind Tre e Vodafone, violando l'art. 22 del Codice del consumo, da giugno 2018 non hanno fornito informazioni chiare ed immediate nella promozione di offerte "personalizzate" di winback per i servizi di telefonia mobile rivolte ad ex clienti, contattati prevalentemente tramite sms, piuttosto hanno indicato le sole condizioni del piano tariffario proposto in termini di prezzo e traffico incluso ed omettendo nel messaggio, di evidenziare gli ulteriori costi o di vincoli di fruizione delle offerte.

    Il consumatore indotto in errore

    Questo tipo di condotta è stata ritenuta idonea ad indurre in errore il consumatore medio in relazione al contenuto della proposta ed a fargli assumere una decisione di natura commerciale che non avrebbe altrimenti preso. L'Autorità, contestualmente, ha accertato che, in violazione dell'art. 65 del Codice del consumo, nella fase di adesione dei consumatori a tutte le offerte di telefonia mobile, Wind Tre e Vodafone hanno pre-attivato diversi servizi e/o opzioni aggiuntivi rispetto all'offerta principale, con aggravio di costi, senza il preventivo ed espresso consenso del consumatore.

(10/12/2019 - Gabriella Lax)
In evidenza oggi:
» Equa riparazione: compensi agli avvocati in base al DM 55/2014
» Incidenti stradali: dal risarcimento va sottratta l'indennità di accompagnamento

Newsletter f t in Rss