Sei in: Home » Articoli

Assegno di cura: beneficio economico per il disabile gravissimo

Condividi
Seguici

Il sussidio dell'assegno di cura viene erogato dalla Regione ai disabili gravissimi, in presenza dei presupposti voluti dalle norme di settore
sedia a rotelle per disabile
Avv. Francesco Pandolfi - L'"assegno di cura" è un sussidio che diverse regioni, tra cui la Regione Sicilia, erogano ai disabili gravissimi, in presenza dei presupposti di Legge (ex art. 3 DM 26.09.2016).
I fondi stanziati derivano dal fondo nazionale per i non autosufficienti: ogni Regione ne disciplina criteri e modalità di erogazione.

  1. Accesso all'assegno di cura
  2. Il rigetto della domanda
  3. Accoglimento del ricorso
  4. Conclusioni

Accesso all'assegno di cura

Per accedere al sussidio il soggetto deve essere riconosciuto disabile ai sensi dell'art. 3 co. 3 L. n. 104/92 e deve percepire l'indennità di accompagnamento; inoltre deve rientrare in una delle casistiche previste dal D.M. del 26.09.2016.

Ora, pur sussistendo i requisiti voluti dalle norme per il riconoscimento del sussidio in questione, può accadere che l'Asl di competenza lo neghi, magari ritenendo il bambino non rientrante tra i disabili gravissimi di cui all'art. 3 co. 2 D.M. 26.09.2016.

Il rigetto della domanda

Ed in effetti è quanto verificatosi in occasione della domanda di cui parliamo, finita all'attenzione del Tar Sicilia.

Una negazione del tutto infondata però, rispetto alla quale la madre del minore ha reagito con apposito ricorso amministrativo, poi accolto dal Tar Sicilia Sez. Terza (ordinanza n. 1063/2019 pubblicata il 30.09.2019).

Accoglimento del ricorso

Il Tar è stato categorico già nella fase sommaria e cautelare del ricorso, ritenendo le censure presenti nel ricorso dell'interessata assistite da consistenti profili di attendibilità.

Questo perchè, mentre la A.S.P. (Azienda Sanitaria Provinciale) da una parte ha rigettato la domanda di sussidio, dall'altra nella propria documentazione medica dispone di una valutazione medica ove si appura che il minore è affetto da disturbo dello spettro autistico di livello 3 del DSM 5, condizione necessaria e sufficiente per il riconoscimento dello status di disabile gravissimo ai sensi dell'art. 3 co. 2 del citato D.M.

Conclusioni

In pratica il collegio di magistrati ha disposto il riesame in meglio della domanda di sussidio, alla luce di quanto dedotto nel ricorso e rilevato con l'ordinanza.


Altre informazioni?
Contatta l'Avv. Francesco Pandolfi
3286090590
avvfrancesco.pandolfi66@gmail.com
Francesco Pandolfi
E-mail: francesco.pandolfi66@gmail.com - Tel: 328.6090590
Recapiti: Via Giacomo Matteotti 147, 4015 Priverno LT
Si occupa principalmente di Diritto Militare in ambito amministrativo, penale, civile e disciplinare ed –ł autore di numerose pubblicazioni in materia.
Altre informazioni su questo argomento? Richiedi una consulenza all'Avv. Pandolfi
(30/09/2019 - Avv.Francesco Pandolfi) Foto: 123rf.com
In evidenza oggi:
» Avvocati: niente iscrizione alla Cassa se si supera il reddito per un anno
» Cognome materno ai figli: oltre 54mila firme per la petizione

Newsletter f t in Rss