Sei in: Home » Articoli

Evasometro

Condividi
Seguici

L'evasometro è ufficialmente operativo. Partono i controlli del Fisco sui conti correnti degli italiani, che dovranno giustificare eventuali anomalie
pupazzetto con la mano concetto evasione tasse

di Valeria Zeppilli - L'evasometro è il nuovo strumento, messo a disposizione dell'Agenzia delle entrate, per verificare e controllare la regolarità fiscale di aziende e privati cittadini. Si tratta, in altre parole, di un importante mezzo per combattere l'evasione.

  • 1. Evasometro: cos'è
  • 2. Come funziona l'evasometro
  • 3. Evasometro: cosa controlla?
  • 4. Onere della prova sul contribuente
  • Evasometro: cos'è

    Con l'evasometro, quindi, l'Agenzia delle Entrate ha iniziato da poco a effettuare dei controlli nuovi e più pervasivi su tutti i contribuenti.

    Non si tratta, tuttavia, di uno strumento del tutto innovativo, dato che la sua ideazione risale al governo Monti e che è già stato utilizzato in via sperimentale nei confronti delle imprese. Solo dal 2 settembre 2019, però, esso è divenuto pienamente operativo.

    Come funziona l'evasometro

    L'evasometro si fonda su un algoritmo che incrocia i movimenti bancari dei contribuenti con i redditi dichiarati al fisco. Se sulla base dei calcoli eseguiti con tale strumento emerge che un contribuente ha effettuato delle spese eccessive rispetto ai redditi comunicati, scattano gli accertamenti veri e propri attraverso la Guardia di finanza.

    Evasometro: cosa controlla?

    I controlli mediante l'evasometro riguardano i risparmi, i conti correnti e le carte di credito, le obbligazioni, i prodotti finanziari, i conti deposito, le giacenze medie, i saldi iniziali e finali annuali e i flussi mensili di entrata e uscita.

    Onere della prova sul contribuente

    Il contribuente sottoposto ad accertamenti, in sede di contraddittorio, è onerato di fornire tutti i dati e le notizie rilevanti ai fini dell'accertamento e, eventualmente, di avviare il procedimento per adesione.

    Se quanto prodotto non è sufficiente a giustificare l'anomalia, il fisco può applicare la tassa sui risparmi sulla parte di spese esorbitante rispetto ai redditi dichiarati.

Valeria Zeppilli
Consulenza Legale
Avvocato e dottore di ricerca in Scienze giuridiche, dal 2015 fa parte della redazione di Studio Cataldi -- Il diritto quotidiano. Collabora con la cattedra di diritto del lavoro, diritto sindacale e diritto delle relazioni industriali dell'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti - Pescara.
(07/09/2019 - Valeria Zeppilli) Foto: 123rf.com
In evidenza oggi:
» Separazione: addebito alla moglie che se ne va di casa e poi ci ripensa
» Arrivano 400 magistrati nei tribunali: processi più rapidi

Newsletter f t in Rss