Sei in: Home » Articoli

Questione di fiducia

Condividi
Seguici

In cosa consiste la questione di fiducia e come è disciplinata dal regolamento interno della Camera dei deputati e dal regolamento interno del Senato
Palazzo di montecitorio

di Valeria Zeppilli - La questione di fiducia è un istituto tipico della forma di governo parlamentare, che in Italia non trova la sua disciplina nella Costituzione, ma direttamente nei regolamenti interni di Camera e Senato e nella legge numero 400/1988 (seppur, in questo caso, solo con riferimento alle attribuzioni del Consiglio dei Ministri).

  1. In cosa consiste la questione di fiducia
  2. Questione di fiducia negata
  3. Questione di fiducia: il regolamento della Camera
  4. Questione di fiducia: il regolamento del Senato

In cosa consiste la questione di fiducia

Con la questione di fiducia, il Governo richiama l'attenzione del Parlamento su una legge o, più frequentemente, su un emendamento a un disegno di legge o progetto di legge che ritiene fondamentale per la propria azione politica.

Dall'approvazione o meno di tale legge o di tale emendamento dipende la permanenza in carica del Governo.

Questione di fiducia negata

Se infatti il Parlamento respinge la questione di fiducia, il Governo è tenuto a restituire il mandato al Capo dello Stato, trovandosi privo della fiducia della Camera e del Senato.

Si tratta, del resto, di un istituto connesso con il rapporto di fiduciario fondamentale che lega il Parlamento al Governo.

Questione di fiducia: il regolamento della Camera

Il regolamento della Camera dei deputati si occupa della questione di fiducia all'articolo 116, che illustra le modalità con le quali la stessa viene trattata.

Tra le varie previsioni, tale regolamento pone delle garanzie sulla gestione della questione di fiducia, che consistono nel voto per appello nominale non prima di ventiquattro ore, salvo diverso accordo dei gruppi.

Il regolamento vieta poi di porre la questione di fiducia su:

  • proposte di inchieste parlamentari,
  • modificazioni del Regolamento e relative interpretazioni o richiami,
  • autorizzazioni a procedere,
  • verifica delle elezioni,
  • nomine,
  • fatti personali,
  • sanzioni disciplinari,
  • condizioni di funzionamento interno della Camera,
  • argomenti per i quali il Regolamento prescrive votazioni per alzata di mano o per scrutinio segreto.

Questione di fiducia: il regolamento del Senato

Il regolamento del Senato, invece, si occupa della questione di fiducia all'articolo 161.

Tra le varie previsioni, si segnala l'obbligo di motivare la questione e di sottoporla a votazione nominale con appello e la disciplina delle modalità con le quali la stessa viene trattata.

Il divieto di questione di fiducia è limitato solo alle seguenti materie: proposte di modificazione del regolamento stesso e condizioni di funzionamento interno del Senato.

Valeria Zeppilli
Consulenza Legale
Avvocato e dottore di ricerca in Scienze giuridiche, dal 2015 fa parte della redazione di Studio Cataldi -- Il diritto quotidiano. Collabora con la cattedra di diritto del lavoro, diritto sindacale e diritto delle relazioni industriali dell'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti - Pescara.
(10/08/2019 - Valeria Zeppilli) Foto: Wikipedia Commons
In evidenza oggi:
» Fino a tre anni di prigione per chi offende il prof
» Incidenti stradali: aumenta il danno biologico
» Il testo del codice di procedura penale aggiornato. Anche in formato PDF
» Online la versione aggiornata del codice penale. Anche in PDF
» Guidare un natante senza patente nautica: ecco tutte le regole

Newsletter f t in Rss