Sei in: Home » Articoli
 » Avvocatura

Equo compenso anche ai giornalisti

Condividi
Seguici

Per il guardasigilli: «La libertà d'informazione si garantisce e si riconosce, prima di tutto, assicurando la dignità professionale ai giornalisti»
giornale lavoro senza annunci

di Gabriella Lax -«La libertà d'informazione si garantisce e si riconosce, prima di tutto, assicurando la dignità professionale ai giornalisti» secondo il ministro alla Giustizia Alfonso Bonafede. E proprio di equo compenso ai giornalisti si è discusso al ministero della Giustizia, con l'impegno da parte del ministro a colmare il vuoto normativo sui parametri per il compenso dell'attività giornalistica.

Giornalisti ed equo compenso

Alla riunione erano presenti, come riporta Gnewsnline, il quotidiano del ministero della giustizia, i vertici tecnici di via Arenula, il sottosegretario Jacopo Morrone, il presidente dell'Ordine dei giornalisti Carlo Verna e Mattia Motta segretario generale aggiunto della FNSI (Federazione Nazionale Stampa Italiana).

Proseguendo nel suo intervento, il Guardasigilli ha evidenziato: «Un cronista che viene pagato anche solo 3 euro per ogni articolo, non potrà mai essere libero, caratteristica fondante della professione per poter dare ai cittadini una piena e corretta informazione che è la base di ogni democrazia».

Per Morrone: «La questione dell'equo compenso è più che mai attuale per tutti gli Ordini vigilati e necessita di un intervento urgente. Per i giornalisti, in particolare, emergono situazioni lavorative davvero poco dignitose per professionisti che hanno grandi responsabilità connesse alla loro attività, per il cui esercizio sono essenziali equilibrio e obiettività, oltre a conoscenze approfondite e formazione continua. Valuteremo le istanze dell'Ordine con attenzione e disponibilità, considerando in primo luogo la necessità di valorizzare e dare certezze a questi professionisti su parametri condivisi per quel che riguarda i compensi spettanti per il loro lavoro».

Sull'argomento si ritornerà a parlare da settembre quando il Ministero presenterà una proposta di modifica legislativa.

(29/07/2019 - Gabriella Lax) Foto: 123rf.com
In evidenza oggi:
» Nuovo processo civile: rito unico e addio atto di citazione
» Legittima difesa: va valutato il "turbamento" di chi spara al ladro

Newsletter f t in Rss