Sei in: Home » Articoli

È possibile registrare di nascosto i colleghi di lavoro?

Condividi
Seguici

L'utilizzo di registrazioni acquisite senza il consenso dei colleghi presenti è legittimo se necessario per tutelare un proprio diritto
uomo che fa una chiamata al telefono di nascosto

di Valeria Zeppilli - L'utilizzo di registrazioni di colloqui ai fini difensivi è oggetto di una questione attorno alla quale si annida ancora molta incertezza.

Ad esempio, ci si può chiedere se sia lecito registrare di nascosto i colleghi di lavoro e produrre tali registrazioni in giudizio.

  1. Privacy e tutela dei diritti
  2. La giurisprudenza della Cassazione
  3. Niente illecito disciplinare

Privacy e tutela dei diritti

Cerchiamo di fare chiarezza, iniziando con l'inquadrare correttamente la questione: sostanzialmente si tratta di bilanciare le esigenze di tutela della riservatezza, da un lato, e di tutela giurisdizionale dei propri diritti, all'altro, e trovare un giusto punto di equilibrio.

La giurisprudenza della Cassazione

I dubbi lasciati in proposito dalla legge sono stati fugati dalla giurisprudenza della Corte di cassazione che ha da tempo chiarito che l'utilizzo di registrazioni di colloqui tra colleghi di lavoro a fini difensivi non necessita del consenso dei presenti.

Tale utilizzo, infatti, è legittimato dalla necessità di tutelare i propri diritti in giudizio, con la conseguenza che è legittima la condotta del lavoratore che ha effettuato le registrazioni per tutelare la propria posizione in azienda e precostituirsi un mezzo di prova.

L'impiego delle registrazioni senza il consenso risponde del resto alle necessità che conseguono al legittimo esercizio di un diritto, purché sia pertinente alla tesi difensiva e non ecceda le sue finalità.

Sul punto si vedano le sentenze numero 27424/2014, numero 11322/2018 e, più di recente, numero 12534/2019 (qui sotto allegata).

Niente illecito disciplinare

La legittimità delle registrazioni e del loro utilizzo, in ragione di quanto visto, comporta anche l'inidoneità del comportamento del dipendente a integrare un illecito disciplinare sanzionabile.

Scarica pdf sentenza Cassazione numero 12534/2019
Valeria Zeppilli
Consulenza Legale
Avvocato e dottore di ricerca in Scienze giuridiche, dal 2015 fa parte della redazione di Studio Cataldi -- Il diritto quotidiano. Collabora con la cattedra di diritto del lavoro, diritto sindacale e diritto delle relazioni industriali dell'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti - Pescara.
(19/06/2019 - Valeria Zeppilli) Foto: 123rf.com
In evidenza oggi:
» Danno biologico: aggiornate le tabelle del Tribunale di Roma
» Violenza donne: Codice Rosso è legge
» Il patto commissorio - guida legale
» Mantenimento: niente reato per il padre che riduce da s l'assegno al figlio
» La Famiglia nel Diritto: 3 Crediti Formativi per avvocati

Newsletter f t in Rss