Sei in: Home » Articoli

La fusione per incorporazione di istituti bancari non costituisce fatto notorio

Condividi
Seguici

Per la Cassazione non costituiscono fatto notorio le operazioni di fusione per incorporazione di soggetti bancari
mano che tiene una bilancia su un mappamondo
Avv. Paolo Calabretta - La Corte di Cassazione, I^ sezione civile, con l'ordinanza n. 14914 del 31 Maggio 2019 (sotto allegata), rigettando, tra l'altro, il motivo di ricorso proposto da una banca - che intendeva, anche tramite tale motivo, dimostrare la data certa di un rapporto bancario rispetto alla data della sentenza dichiarativa di fallimento, assumendo che "le operazioni di fusione per incorporazione di soggetti bancari costituiscono certamente fatto notorio: nel caso di specie le operazioni di fusione per incorporazione sono tra l'altro pubblicizzate anche sui siti web delle banche coinvolte … oltre che sulla stampa" - ha affermato il seguente principio:
"… Non può infatti essere considerato di <> il fatto il cui apprendimento e accertamento comporta per il giudice attività e indagini che per definizione incombono, secondo l'attuale struttura del processo civile, sulla parte interessata a farlo valere: quale, nella specie, è indubbiamente quello relativo all'effettiva esistenza di una certa operazione di fusione tra dati, particolari soggetti bancari e quale pure non può non essere l'individuazione del tempo in cui tale specifica operazione sarebbe avvenuta".
La Corte di legittimità, quindi, ha affermato che la prospettazione della banca "assume un'inesatta nozione di notorietà ex art. 115 comma 2 cod. proc. civ.".
Evidente, quindi, come il suindicato principio di diritto - costituente applicazione dei principi giurisprudenziali enucleati in materia di fatto notorio ad uno specifico settore di attività economica, qual è l'attività bancaria (che da circa vent'anni assiste ad un continuo processo di fusioni ed incorporazioni) - costituisca una bussola di cui dovranno tenere conto gli istituti bancari e finanziari che intendano dimostrare i propri assunti circa l'avvenuta successione, ad una certa data, nei rapporti intrattenuti dal cliente con l'originario istituto bancario, e ciò nell'ipotesi in cui il cliente sia stato poi dichiarato fallito.
Nel caso in esame, invero, la fattispecie posta all'attenzione della Suprema Corte verteva su giudizio di opposizione allo stato passivo ex art. 98 Legge Fallimentare, ove, com'è noto, incombe sul creditore la prova che il credito sia di data certa anteriore alla data della sentenza dichiarativa di fallimento.
Avv. Paolo Calabretta del foro di Catania
Scarica pdf Cass. ordinanza n. 14914/2019
(03/06/2019 - Avv.Paolo Calabretta) Foto: 123rf.com
In evidenza oggi:
» Cassazione: anche un solo schiaffo è reato
» Donne avvocato, brave e preparate ma guadagnano la metà
» L'omicidio colposo. Guida legale aggiornata
» La denuncia anonima
» Chi mantiene da solo il figlio ha diritto di regresso verso l'altro genitore

Newsletter f t in Rss