Sei in: Home » Articoli

Lavoro: il burnout sarà indennizzato?

Condividi
Seguici

Per l'OMS il burnout è una sindrome correlata a una condizione di stress lavorativo mal gestita, vediamone insieme i sintomi e le categorie più a rischio
insegnante donna stressata

di Annamaria Villafrate - L'OMS include il burnout tra le sindromi. Non vere e proprie malattie, ma più sintomi, che insieme, conducono a un quadro clinico specifico. Quali i sintomi del burnout? Esaurimento fisico e mentale, sentimenti negativi legati al lavoro e scarsa produttività. Un problema che può insorgere per varie ragioni, dal sovraccarico lavorativo a rapporti negativi con colleghi o clienti. In passato le categorie a rischio erano quelle che si occupavano della cura della persona. Oggi invece non c'è lavoro o professione che sfugge al sovraccarico da stress lavorativo, soprattutto se l'attività, per sua natura, comporta la nascita e il mantenimento di relazioni interpersonali.

  1. OMS: il burnout è una sindrome
  2. Burnout indennizzato?
  3. I sintomi del burnout
  4. Chi colpisce il burnout?

OMS: il burnout è una sindrome

L'OMS ha classificato il burnout come una sindrome. Tale definizione fa entrare lo stress da lavoro nella lista dell'International Classification of Diseases (Icd) dell'Organizzazione mondiale della sanità. Classifica, denominata CIP-11, che entrerà a pieno regime a partire dal primo gennaio del 2022. Il riconoscimento formale è avvenuto qualche giorno fa nel corso dell'ultima Assemblea mondiale dell'OMS, tenutasi a Ginevra. Ai professionisti del settore medico sono state fornite le indicazioni necessarie per una corretta diagnosi.

Ricordiamo infatti che una sindrome non è facile da riconoscere, perché è formata da un complesso di sintomi che, presi singolarmente, non hanno un significato preciso, ma che insieme rimandano a un quadro clinico specifico.

Burnout indennizzato?

Non una malattia quindi, diversamente da quanto emerso inizialmente. Precisazione più che necessaria, visto che solo le "malattie" lavoro correlate danno diritto a un indennizzo. Tuttavia, il riconoscimento dello stress da lavoro, il cosiddetto burnout tra le sindromi non è da sottovalutare. Se la sindrome infatti causa una malattia, come una nevrosi, uno stato depressivo, ansioso o una psicosi potrà essere indennizzato.

I sintomi del burnout

Insomma, come si fa a riconoscere la sindrome da burnout?

I sintomi principali sono 3:

- esaurimento fisico e mentale,

- insorgenza di sentimenti negativi, cinici e di distacco emotivo dal lavoro,

- scarsa produttività.

Gli esperti precisano che questa sindrome riguarda l'ambiente di lavoro e che la sua insorgenza deriva da una difficoltà o incapacità di gestire con successo lo stress lavorativo. Stress che può avere diverse cause, come il sovraccarico di lavoro, ma anche l'essenza di riconoscimenti adeguati o la mancanza di senso di appartenenza al gruppo di lavoro.

Chi colpisce il burnout?

In passato la sindrome da bournout era riservata alla nicchia dei lavoratori dell'"aiuto". Psicologi, in testa, ma anche educatori, assistenti sociali, infermieri e personale sanitario, tanto per fare qualche esempio. Si è però compreso nel tempo che tutte le professioni che comportano un necessario contatto con le persone sono a rischio. Avvocati, consulenti, poliziotti, insegnanti. Tante quindi le categorie esposte a questa sindrome, che nei casi più gravi può condurre al suicidio.
Gli esperti invocano un cambiamento culturale dell'ambiente di lavoro. Occorre un maggiore supporto psicologico e più attenzione al benessere del lavoratore. L'unica strada percorribile per una corretta prevenzione.


(31/05/2019 - Annamaria Villafrate) Foto: 123rf.com
In evidenza oggi:
» Via il tenore di vita anche per la separazione
» Non è offesa dire al collega "non sei un vero avvocato"

Newsletter f t in Rss