Sei in: Home » Articoli
 » Previdenza

Pensione: il riscatto del servizio militare

Condividi
Seguici

Il servizio militare può essere riscattato per la propria pensione in maniera gratuita, con accredito di contributi figurativi. È necessaria la domanda dell'interessato
Militari in divisa e in fila

di Valeria Zeppilli - Per "guadagnare" contributi utili per accedere alla pensione, tra le varie opportunità vi è anche quella di riscattare i periodi di servizio militare prestato presso le Forze armate italiane, obbligatoriamente o volontariamente.

Si tratta, peraltro, di un'opzione piuttosto vantaggiosa, visto che i contributi figurativi sono accreditati dall'Inps a titolo gratuito, sebbene previa richiesta dell'interessato.

Vediamo, quindi, tutto quello che c'è da sapere in proposito:

  1. Riscatto servizio militare: chi può chiederlo
  2. Riscatto servizio militare: quando non spetta
  3. Domanda di riscatto del servizio militare

Riscatto servizio militare: chi può chiederlo

Per poter chiedere e ottenere il riscatto del servizio militare sono necessari alcuni fondamentali requisiti.

Innanzitutto, è indispensabile che il periodo per il quale si domanda la contribuzione figurativa sia scoperto da contribuzione obbligatoria.

I richiedenti, inoltre, devono aver versato almeno un contributo e devono essere iscritti all'assicurazione generale obbligatoria dei lavoratori dipendenti, alla gestione speciale dei lavoratori autonomi o a un fondo speciale di previdenza gestito dall'Inps. Il beneficio non è invece previsto nella Gestione Separata.

L'accredito può essere richiesto anche dai superstiti dei pensionati o degli assicurati, deceduti prima del 30 aprile 1969.

Riscatto servizio militare: quando non spetta

Anche se ricorrono le predette condizioni, in alcuni casi, o meglio per alcuni periodi, il riscatto del servizio militare non spetta.

Ad esempio, la contribuzione figurativa non può essere mai corrisposta per i periodi di quiescenza, diserzione o assenza arbitraria o per quelli di detenzione in attesa di giudizio, poi seguita da una sentenza di condanna con reclusione.

La contribuzione figurativa non è poi possibile per il servizio militare prestato nelle formazioni della ex Repubblica Sociale Italiana dopo l'8 settembre 1943 e per i periodi di servizio militare che sono già stati riscattati per altre forme di previdenza esclusive o sostitutive dell'assicurazione generale obbligatoria.

Domanda di riscatto del servizio militare

Come detto, sebbene la contribuzione figurativa per il servizio militare sia accreditata gratuitamente dall'Inps, chi ne vuole beneficiare per la propria pensione deve comunque farne espressa domanda, che può essere presentata in qualsiasi momento e non è soggetta a prescrizione.

A tal fine, è possibile avvalersi dei servizi telematici dell'Inps, sia direttamente che attraverso i patronati o altri intermediari autorizzati, o chiamare il Contact Center al numero 803 416 da rete fissa o 06 164164 da rete mobile.


Per approfondimenti sui contributi figurativi, vai alla guida Pensione: i contributi figurativi

Valeria Zeppilli
Consulenza Legale
Avvocato e dottore di ricerca in Scienze giuridiche, dal 2015 fa parte della redazione di Studio Cataldi -- Il diritto quotidiano. Collabora con la cattedra di diritto del lavoro, diritto sindacale e diritto delle relazioni industriali dell'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti - Pescara.
(30/05/2019 - Valeria Zeppilli)
In evidenza oggi:
» Cassazione: anche un solo schiaffo è reato
» Donne avvocato, brave e preparate ma guadagnano la metà
» L'omicidio colposo. Guida legale aggiornata
» La denuncia anonima
» Chi mantiene da solo il figlio ha diritto di regresso verso l'altro genitore

Newsletter f t in Rss