Sei in: Home » Articoli

Cassazione: gli eredi non pagano le sanzioni fiscali

Condividi
Seguici

La Suprema Corte ritiene non dovute le sanzioni amministrative derivanti dalla violazione delle norme tributarie che, stante il loro carattere afflittivo, non si trasmettono agli eredi
uomo debitore protetto da un ombrello
di Lucia Izzo - Le sanzioni pecuniarie amministrative derivanti dalla violazione delle norme tributarie hanno carattere afflittivo e vanno inquadrate nella categoria dell'illecito amministrativo di natura punitiva. Per tale motivo, dunque, non si trasmettono agli eredi.

La vicenda

Lo ha chiarito la Corte di Cassazione, quinta sezione civile, nell'ordinanza n. 6500/2019 (qui sotto allegata) accogliendo il ricorso degli eredi di uomo proprietario di un terreno che aveva impugnato due avvisi di accertamento ICI (ora IMU) ed era poi deceduto nel corso del giudizio.

Secondo l'originario attore, il proprio terreno non poteva considerasi edificabile solo perché inserito come tale nel piano regolatore generale, in assenza di approvazione del piano particolareggiato. Tuttavia, il ricorso veniva respinto sia in prima che in secondo grado.

Sanzioni tributarie non si trasmettono gli eredi

Innanzi agli Ermellini, tra l'altro, moglie e figli del de cuius lamentano l'applicazione delle sanzioni nei loro confronti, che ritengono non dovute, e questo motivo viene ritenuto meritevole di accoglimento.

La Cassazione rammenta che le sanzioni pecuniarie amministrative previste per la violazione delle norme tributarie hanno carattere afflittivo, onde devono inquadrarsi nella categoria dell'illecito amministrativo di natura punitiva, disciplinato dalla L. 689/1981, essendo commisurate alla gravità della violazione ed alla personalità del trasgressore.

Di conseguenza, spiega la Corte, a esse si applica il principio generale sancito dall'art. 7 della legge n. 689 cit., secondo cui l'obbligazione di pagare la somma dovuta per la violazione non si trasmette agli eredi (cfr. Cass. n. 13894/2008).

La Cassazione, dunque, accoglie l'originario ricorso del contribuente limitatamente alle sanzioni che dichiara non dovute.
Scarica pdf Cass., V civ., ord. n. 6500/2019
(12/03/2019 - Lucia Izzo) Foto: 123rf.com
In evidenza oggi:
» Investigazioni e sicurezza: congresso a Roma con crediti formativi per avvocati
» Risarcisce il padre la madre che impedisce gli incontri col figlio

Newsletter f t in Rss