Sei in: Home » Articoli
 » Previdenza

Assunzioni detenuti: le istruzioni Inps per gli sgravi

Pubblicata dall'Inps la circolare con le istruzioni operative per l'accesso ai benefici contributivi per l'assunzione di persone detenute o internate
carcere deternuto prigione

di Redazione - L'Inps ha pubblicato le istruzioni operative per le imprese che hanno diritto ai benefici contributivi per l'assunzione di persone detenute o internate negli istituti penitenziari.

La circolare n. 27/2019 (sotto allegata) illustra nel dettaglio le modalità di accesso al beneficio in base alle linee guida condivise con il ministero della giustizia.

  1. Datori di lavoro che possono accedere al beneficio
  2. Lavoratori per i quali spetta lo sgravio contributivo
  3. Misura e durata del beneficio

Datori di lavoro che possono accedere al beneficio

Si ricorda che il beneficio (modificato da ultimo dal decreto n. 148/2014) è rivolto ai seguenti datori di lavoro:

- cooperative sociali che assumono persone detenute e internate negli istituti penitenziari o persone condannate e internate ammesse al lavoro esterno, nonché ex degenti di ospedali psichiatrici giudiziari;

- aziende pubbliche e private che, organizzando attività di produzione o di servizio all'interno degli istituti penitenziari, impiegano detenuti o internati.

Lavoratori per i quali spetta lo sgravio contributivo

Lo sgravio contributivo è ammesso nell'ipotesi di assunzione di:

  1. detenuti e internati negli istituti penitenziari;
  2. ex degenti di ospedali psichiatrici, anche giudiziari, oggi REMS;
  3. condannati e internati ammessi alle misure alternative alla detenzione e al lavoro esterno.

Misura e durata del beneficio

Infine, la misura dell'agevolazione, come modificata dal decreto n. 148/2014 citato, precisa la circolare, corrisponde "allo sgravio del 95% dell'aliquota contributiva complessivamente dovuta (quota a carico del datore di lavoro e del lavoratore), calcolata sulla retribuzione corrisposta al lavoratore".

La nuova percentuale di sgravio decorre dall'anno 2013 e si applica fino all'adozione di un nuovo decreto ministeriale in materia.

Scarica pdf circolare Inps n. 27/2019
(01/03/2019 - Redazione)

In evidenza oggi:
» Condominio: il convegno di StudioCataldi.it a Roma
» Famiglia: i modelli per la redazione degli atti
» Divorzio: niente assegno all'ex moglie scansafatiche
» Reddito di cittadinanza, "nuove strette anti furbetti"
» Processo civile telematico: nulle le notifiche all'indirizzo Ini-Pec?
Newsletter f t in Rss