Sei in: Home » Articoli

Shopping natalizio online: il decalogo antitruffa

Condividi
Seguici

Un vademecum con consigli utili e pratici, pensato dalla Polizia postale, per consentire ai consumatori di muoversi nel migliore dei modi nel mondo dello shopping natalizio online
babbo natale che trasporta un grande sacco pieno di doni

di Gabriella Lax - Natale, tempo di shopping per antonomasia. E con l'aumento della frenesia degli acquisti, molti dei quali sono fatti online, aumenta la possibilità di incappare nei malintenzionati di turno. A tal proposito, la Polizia Postale e delle Comunicazioni ha presentato un opuscolo con consigli utili e pratici per muoversi nel migliore dei modi nel mondo dei negozi online. Il vademecum è disponibile sul sito della Polizia di Stato, oltre che sul portale del Commissariato di P.S. online e sulle relative pagine Facebook e Twitter.

Shopping natalizio online, i consigli antitruffa della polizia postale

Si pensi che nel 2018, le segnalazioni e denunce ricevute sono state più di 37.000), da sommare al numero delle persone arrestate e denunciate. Da qui la necessità di stilare una guida per aiutare i consumatori a non cadere nei tranelli in rete.

Ecco i punti più importanti:

Software e browser aggiornati

Intanto per comprare online in sicurezza è fondamentale usare software e browser completi ed aggiornati. Si consideri che gli ultimi sistemi antivirus (gratuiti o a pagamento) danno protezione anche nella scelta degli acquisti su Internet. E' necessario poi aggiornare all'ultima versione disponibile il browser utilizzato per navigare.

Siti certificati o ufficiali

Nella scelta dare la preferenza a siti certificati o ufficiali, a negozi online di grandi catene note perché oltre ad offrire sicurezza in termini di pagamento sono affidabili anche per quanto riguarda l'assistenza e la garanzia sul prodotto acquistato e sulla spedizione dello stesso.

In caso di siti poco conosciuti si può controllare la presenza di certificati di sicurezza quali TRUST e VERIFIED / VeriSign Trusted che permettono di validare l'affidabilità del sito web. Il sito deve essere come un negozio, offrire le medesime informazioni e garanzie: controllare un numero di Partiva IVA, un numero di telefono fisso, un indirizzo fisico e ulteriori dati per contattare l'azienda. Un sito privo di tali dati probabilmente non vuole essere rintracciabile e potrebbe avere qualcosa da nascondere. Si ricordi che i dati fiscali sono facilmente verificabili sul sito istituzionale dell'Agenzia delle Entrate.

Attenzione ai feedback degli utenti

Fondamentale leggere le recensioni di chi ha già acquistato. Sono importanti i "feedback" pubblicati dagli altri utenti sul sito che lo mette in vendita.

Usare solo app ufficiali

Se gli acquisti sono fatti su smartphone o tablet utilizzare le app ufficiali dei negozi online per completare l'acquisto. Eviterete di "essere indirizzati" su siti truffaldini o siti clone che potrebbero catturare i dati finanziari e personali inseriti per completare l'acquisto.

Pagare con carte ricaricabili

Per il pagamento è sempre più conveniente usare carte di credito ricaricabili, ricordando che per completare una transazione d'acquisto sono indispensabili pochi dati come numero di carta, data di scadenza della carta ed indirizzo per la spedizione della merce.

Occhio all'https

Alla conclusione dell'acquisto, la presenza del lucchetto chiuso in fondo alla pagina o di "https" nella barra degli indirizzi rappresentano conferme sulla riservatezza dei dati inseriti nel sito e della presenza di un protocollo di tutela dell'utente, ovvero i dati sono criptati e non condivisi.

Evitare di cliccare link trappola

Occhio infine a non cadere nella rete del phishing e/o dello smishing, ossia la rete di truffatori che attraverso mail o sms contraffatti, richiedono di cliccare su un link al fine di raggiungere una pagina web trappola e sfruttando meccanismi psicologici come l'urgenza o l'ottenimento di un vantaggio personale, riusciranno a rubare informazioni personali quali password e numeri di carte di credito per scopi illegali. L'indirizzo internet a cui tali link rimandano differisce sempre, anche se di poco, da quello originale.

(20/12/2018 - Gabriella Lax) Foto: 123rf.com
In evidenza oggi:
» Codice della strada: arriva la riforma
» Cassazione: il lavoratore non è obbligato a stimare l'azienda
» Legittima difesa in vigore: ecco come cambia il codice penale
» Appalto: le cause di estinzione
» La pensione minima

Newsletter f t in Rss