Sei in: Home » Articoli
 » Previdenza

Pensioni quota 100 con penalizzazioni

Tecnici del governo al lavoro sulla quota 100, per rientrare nei costi sarebbe necessaria una penalizzazione dell'1% per ogni anno di anticipo rispetto ai 67 dell'età pensionabile standard
ragazzo con computer che pensa alla pensione

di Gabriella Lax - Una penalizzazione dell'1% per ogni anno di anticipo rispetto ai 67 dell'età pensionabile standard. Questa l'ipotesi che stanno studiando i tecnici dell'esecutivo per riformare la legge Fornero e consentire il pensionamento a quota 100. In vista della nota di aggiornamento al Def (Documento di economia e finanza) di domani, con le nuove stime di crescita del Pil (corrette al ribasso) e gli obiettivi di deficit e debito, si cerca di trovare un sistema per coprire i costi di un'operazione molto dispendiosa.

Quota 100 ma con penalizzazioni

Una prima ipotesi per arrivare a quota 100, come anticipato dal Corriere, prevede che la pensione anticipata sia calcolata col meno vantaggioso metodo contributivo per tutti i versamenti successivi al 1995, anno in cui fu introdotto il nuovo sistema; così facendo si ridurrebbe l'importo della pensione. Una variazione diversa a seconda dei casi e che potrebbe arrivare al 10-15%. Sarebbero non più di due anni i contributi figurativi da conteggiare.

E poi c'è il taglio dell'assegno previdenziale: o con una penalizzazione temporanea, cioè un taglio di 1-1,5 punti percentuali della pensione per ogni anno di anticipo rispetto a 67 anni, oppure, seconda ipotesi drastica, un taglio permanente, ma in questo caso la penalizzazione sarebbe più bassa, i tecnici della Lega parlano di mezzo punto per ogni anno di anticipo, ma potrebbe essere anche un punto.

Vai alla guida Pensioni quota 100

(26/09/2018 - Gabriella Lax) Foto: 123rf.com

In evidenza oggi:
» Marito dispotico: separazione con addebito
» Cassazione: bigenitorialità non vuol dire tempi uguali coi figli
» Sesso in macchina: cosa si rischia oggi?
» L'avvocato diventa sempre pi¨ "fashion"
» Cassazione: bigenitorialitÓ non vuol dire tempi uguali coi figli
Newsletter f g+ t in Rss