Sei in: Home » Articoli

Taglio dei parlamentari: depositati i disegni di legge

L'annuncio del ministro Fraccaro: depositati in Parlamento i disegni di legge costituzionale per la riduzione del numero di deputati e senatori e l'introduzione del referendum propositivo
mani che impugnano cesoie

di Gabriella Lax – Sono stati depositati in Parlamento i disegni di legge costituzionale per la riduzione del numero di deputati e senatori e l'introduzione del referendum propositivo. A dare l'annuncio è Riccardo Fraccaro, ministro per i rapporti con il Parlamento e la democrazia diretta.

In arrivo la riduzione del numero dei parlamentari

Uno degli obiettivi dell'Esecutivo è quello di migliorare le istituzioni e dare più potere ai cittadini, all'insegna dell'efficienza e della partecipazione. Fanno parte di questo programma i due disegni di legge costituzionale, depositati in Parlamento, per la riduzione del numero di deputati e senatori e l'introduzione del referendum propositivo.

L'iter di approvazione delle leggi riceverà un notevole input dalla riduzione dei parlamentari a 400 deputati e 200 senatori. Invece, con l'introduzione del referendum propositivo, secondo il ministro Fraccaro, gli italiani potranno essere parte attiva della vita politica, approvando direttamente le priorità ed esercitando un maggior potere di controllo sui loro rappresentanti.

Taglio 345 parlamentari: risparmi per 100 milioni l'anno

Dal taglio dei parlamentari inoltre deriverà un notevole risparmio per gli italiani. "Siamo il paese con il più alto numero parlamentari in tutta Europa" e con questo ddl "ci uniformiamo semplicemente allo standard europeo" ha detto Fraccaro ospite di Tgcom24. "Pensiamo di tagliarne almeno 345 - ha spiegato con un risparmio economico di almeno 100 milioni all'anno".

(20/09/2018 - Gabriella Lax) Foto: 123rf.com
In evidenza oggi:
» Gratuito patrocinio: non rileva l'ignoranza ai fini del reato
» Sì al pernotto dal papà anche se la mamma non vuole
» Poste Italiane: 7.500 assunzioni nel 2019
» Gestione Separata INPS: stop iscrizioni d'ufficio?
» Buche sul manto stradale: la responsabilità del Comune e dei conducenti

Newsletter f g+ t in Rss