Sei in: Home » Articoli

Addio divorzio breve, arriva la mediazione

Il ddl Pillon, all'esame della commissione giustizia del Senato, punta a introdurre la mediazione obbligatoria per le coppie con figli che intendono separarsi allungando così inesorabilmente i tempi
mediazione dei coniugi in un divorzio

di Valeria Zeppilli – Lo scorso 10 settembre 2018 è approdato in commissione giustizia del Senato il disegno di legge Pillon (sotto allegato), che mira a ridisegnare la disciplina dell'affidamento condiviso e che sta suscitando non poche polemiche.

Tra i vari aspetti sui quali punta il ddl ve ne è infatti uno alquanto controverso e che ha già diviso l'opinione pubblica: la previsione della mediazione obbligatoria se i coniugi che intendono separarsi hanno figli con l'inevitabile allungamento dei tempi per giungere alla definizione del procedimento. E c'è già chi dà l'addio al divorzio breve.

Vediamo le novità e le criticità nel dettaglio:

  1. Tempo trascorso con i genitori
  2. Mediazione obbligatoria
  3. Divorzio: addio a tempi brevi e costi maggiori

Tempo trascorso con i genitori

Il testo del disegno di legge punta molto sul tempo trascorso dai figli con i genitori separati, prevedendo tra le altre cose, all'articolo 11, che "il figlio minore, nel proprio esclusivo interesse morale e materiale, ha il diritto di mantenere un rapporto equilibrato e continuativo con il padre e con la madre, di ricevere cura, educazione, istruzione e assistenza morale da entrambe le figure genitoriali, con paritetica assunzione di responsabilità e di impegni e con pari opportunità. Ha anche il diritto di trascorrere con ciascuno dei genitori tempi paritetici o equipollenti, salvi i casi di impossibilità materiale".

Mediazione obbligatoria

Proprio per garantire che le questioni relative alla gestione della prole siano adeguatamente considerate in sede di separazione, il ddl prevede quindi l'introduzione della mediazione obbligatoria per le coppie con figli.

Queste, per separarsi, dovranno per legge ricorrere necessariamente al sostegno di un mediatore che, in un percorso lungo massimo sei mesi, li aiuterà a regolamentare i propri rapporti con la prole.

Divorzio: addio a tempi brevi e costi maggiori

Come accennato, tale scelta, seppur guidata dallo scopo di tutelare i soggetti che maggiormente subiscono le conseguenze negative dello scioglimento di una coppia, è già andata incontro a numerose critiche.

Sostanzialmente, la disapprovazione verso l'introduzione della mediazione obbligatoria è connessa a due aspetti: l'allungamento dei tempi per porre fine a un matrimonio, con tutte le conseguenze che lo stesso comporta anche sul conflitto di coppia, e, soprattutto, il significativo aumento dei costi che le coppie devono sostenere per separarsi.

Leggi anche:

- Divorzio: affido condiviso e addio assegno. Iniziato l'iter di riforma

- Affido condiviso: la riforma al vaglio del Senato

Ddl Pillon
Valeria Zeppilli
Consulenza Legale
Laureata a pieni voti in giurisprudenza presso la Luiss 'Guido Carli' di Roma con una tesi in Diritto comunitario del lavoro. Attualmente svolge la professione di Avvocato ed è dottoranda di ricerca in Scienze giuridiche – Diritto del lavoro presso l'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti – Pescara
(19/09/2018 - Valeria Zeppilli) Foto: 123rf.com
In evidenza oggi:
» Sì al pernotto dal papà anche se la mamma non vuole
» Manovra e decreto fiscale: le novità punto per punto
» Poste Italiane: 7.500 assunzioni nel 2019
» Gestione Separata INPS: stop iscrizioni d'ufficio?
» Buche sul manto stradale: la responsabilità del Comune e dei conducenti

Newsletter f g+ t in Rss