Sei in: Home » Articoli
 » Avvocatura

Esami avvocato: ecco il bando

Pubblicato in Gazzetta Ufficiale il bando che fissa le date della sessione 2018 dell'esame da avvocato. Prove scritte i prossimi 11, 12 e 13 dicembre
uomini corrono per arrivare primi concetto lavoro concorrenza

di Valeria Zeppilli – Per gli aspiranti avvocati, l'avvio degli esami da superare per coronare il proprio sogno è ormai alle porte: nella Gazzetta Ufficiale numero 72 del 11 settembre 2018 è stato infatti pubblicato il bando di esame di abilitazione all'esercizio della professione forense – sessione 2018 (sotto allegato).

  1. Esami avvocato: le date
  2. Come fare domanda
  3. Valgono le vecchie regole

Esami avvocato: le date

Il documento, dopo aver indetto la sessione dell'esame di Stato, fissa le date per le prove scritte, che si terranno, nelle diverse sedi di Corti di appello, i prossimi 11, 12 e 13 dicembre 2018. Il primo giorno sarà dedicato al parere motivato in materia regolata dal codice civile; il secondo al parere motivato in materia regolata dal codice penale e il terzo all'atto giudiziario in materia di diritto privato, di diritto penale o di diritto amministrativo.

Come fare domanda

La domanda per partecipare all'esame andrà presentata, in via telematica, entro il 12 novembre 2018, mentre per conoscere il termine entro il quale sarà possibile trasmettere le domande e le modalità con le quali provvedervi occorre attendere un successivo decreto ministeriale, che espliciterà anche le modalità di svolgimento dell'esame.

Valgono le vecchie regole

A tale proposito, gli aspiranti avvocati possono tirare un sospiro di sollievo: la prossima sessione d'esame era quella, tanto temuta, a partire dalla quale sarebbero dovute entrare in vigore le nuove, più stringenti, regole per lo svolgimento delle prove, caratterizzate, tra le altre cose, dall'abolizione dei codici commentati.

Il decreto milleproroghe numero 91/2018, tuttavia, in sede di conversione in legge è stato arricchito di un emendamento che ha prorogato di due anni le vecchie regole, con la conseguenza che, se il testo all'esame della Camera (e domani al voto di fiducia) dovesse passare così come modificato, sia per la sessione di quest'anno che per quella del 2019 sarà ancora possibile avvalersi, per la prova scritta, del prezioso ausilio delle massime giurisprudenziali annotate in calce ai codici.

Leggi anche Esame avvocati 2018: fissate le date

Bando esame avvocato 2018
Valeria Zeppilli
Consulenza Legale
Laureata a pieni voti in giurisprudenza presso la Luiss 'Guido Carli' di Roma con una tesi in Diritto comunitario del lavoro. Attualmente svolge la professione di Avvocato ed è dottoranda di ricerca in Scienze giuridiche – Diritto del lavoro presso l'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti – Pescara
(12/09/2018 - Valeria Zeppilli) Foto: 123rf.com
In evidenza oggi:
» Decreto privacy in vigore: al via l'oblazione
» Esami avvocati: vecchie regole per altri 2 anni
» Il processo amministrativo
» Avvocati: verso l'assunzione negli studi legali
» Addio multa se nel verbale mancano indicazioni sul segnale di preavviso

Newsletter f g+ t in Rss