Sei in: Home » Articoli

La busta paga non fa prova

La sottoscrizione per ricevuta della busta paga non dimostra l'effettivo pagamento della somma ivi indicata ma prova esclusivamente l'avvenuta consegna del documento
una busta paga

di Valeria Zeppilli – L'effettivo pagamento della somma indicata nella busta paga non è provato in maniera univoca dalla sottoscrizione "per ricevuta" da parte del lavoratore ma, almeno a detta della Corte di cassazione, solo la sottoscrizione apposta sul Cud e sul modello 101 costituisce quietanza degli importi indicati come corrisposti da parte del datore di lavoro.

Nell'affrontare la questione, i giudici della sezione lavoro hanno sancito, con l'ordinanza numero 21699/2018 qui sotto allegata, che solo la firma dei predetti documenti ha il significato di accettazione del contenuto delle dichiarazioni fiscali e di conferma dell'esattezza dei dati riportati.

Prova della consegna

Nell'assumere tale posizione, e convalidando nel caso di specie quanto deciso dal giudice del merito, la Corte si è rifatta a diversi precedenti, tra i quali le sentenze numero 7310/2001 e 13150/2016, in base alle quali la firma "per ricevuta" apposta sulle buste paga costituisce prova solo della loro avvenuta consegna.

Per quanto riguarda la dimostrazione dell'effettivo pagamento, la stessa è invece onere del datore di lavoro, posto che manca nel nostro ordinamento una presunzione assoluta di corrispondenza tra quanto risulta dalle buste paga e la retribuzione effettivamente percepita dal lavoratore e con la conseguenza che è sempre possibile accertare l'insussistenza del carattere di quietanza della sottoscrizione eventualmente apposta dal dipendente su tale documento.

Corte di cassazione testo ordinanza numero 21699/2018
Valeria Zeppilli
Consulenza Legale
Laureata a pieni voti in giurisprudenza presso la Luiss 'Guido Carli' di Roma con una tesi in Diritto comunitario del lavoro. Attualmente svolge la professione di Avvocato ed è dottoranda di ricerca in Scienze giuridiche – Diritto del lavoro presso l'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti – Pescara
(09/09/2018 - Valeria Zeppilli) Foto: 123rf.com
In evidenza oggi:
» Auto davanti al cancello di casa è reato
» Ddl concretezza approvato: cosa prevede
» Ddl concretezza approvato: cosa prevede
» La disciplina del pubblico impiego
» Auto davanti al cancello di casa è reato

Newsletter f g+ t in Rss