Fisco: da oggi ripartono gli avvisi bonari

Riprendono da oggi, 5 settembre, i termini concessi per il pagamento delle somme dovute da avvisi bonari e per la trasmissione di atti e documenti all'Amministrazione finanziaria
orologio che segna ritardo

di Gabriella Lax Ripartono da oggi, 5 settembre, i termini concessi per il pagamento delle somme dovute da avvisi bonari e per la trasmissione di atti e documenti all'Amministrazione finanziaria. In soldoni anche l'amministrazione finanziaria, insieme ai contribuenti, è andata in vacanza. Da qualche anno a questa parte sono state introdotte delle norme che sanciscono lo slittamento di termini o addirittura sospensioni di attività. Svanito l'effetto "vacanza" è importante porre la massima attenzione per non sbagliare nel conteggio dei termini.

Fisco, avvisi bonari, da oggi ripartono i termini

E' stato il 4 settembre l'ultimo giorno della sospensione estiva relativa all'invio degli avvisi bonari, delle richieste di atti e documenti da parte dell'Amministrazione finanziaria. Oltre alla sospensione è anche stabilito il rinvio dei termini di versamento dal 1° al 20 agosto e la sospensione dei termini processuali.

Circa gli avvisi bonari, la disposizione normativa è contenuta all'art. 7-quater, comma 17, del D.L. n. 193/2016, con il quale il legislatore sancisce la sospensione, dal 1° agosto al 4 settembre, dei termini per il pagamento delle somme da avviso bonario. Dunque la decorrenza del termine di pagamento dell'avviso bonario, se è iniziata durante sopra menzionato periodo di sospensione, inizia da oggi. Così come se la decorrenza è iniziata prima del 1° agosto scorso, il termine è risultato sospeso fino a ieri e riprenderà a decorrere da oggi. Così come ripartono oggi i termini relativi per la trasmissione dei documenti e delle informazioni richiesti ai contribuenti dall'Agenzia delle Entrate. In questo caso, l'art.37, comma 11-bis, secondo periodo del D.L. n. 223/2006, stabilisce la sospensione dei termini dal 1° agosto al 4 settembre, con riferimento alle summenzionate richieste ad eccezione delle informazioni e della documentazione richiesti nel corso delle attività di accesso, ispezione e verifica, nonché delle procedure di rimborso ai fini dell'imposta sul valore aggiunto.

(05/09/2018 - Gabriella Lax) Foto: 123rf.com
In evidenza oggi:
» Affido condiviso: sì a diritto di visita rigido per tutelare i figli
» Reato di invasione di edifici: in arrivo multe fino a 2mila euro
» Il processo amministrativo
» Avvocati: verso l'assunzione negli studi legali
» Addio multa se nel verbale mancano indicazioni sul segnale di preavviso

Newsletter f g+ t in Rss