Sei in: Home » Articoli

Lavoro: in Italia mancano gli artigiani

Da un'indagine dell'Agenzia per il lavoro, si tratta di mestieri che non fa più nessuno e per i quali, invece, c'è tanta richiesta e una buona retribuzione
insidia cantiere lavoro strada

Di Gabriella Lax – Mestieri che non fa più nessuno e per i quali, invece, c'è tanta richiesta. Elettricisti, idraulici, periti elettronici ed elettrotecnici, l'elenco non è breve. Le statistiche dicono che, in questi casi, è difficile coprire un posto su quattro nonostante la facilità nel trovare un'occupazione e retribuzioni variabili da 25mila a 40mila euro lordi annui. Sono le informazioni fornite dall'Agenzia per il lavoro, come riporta Adnkronos.

I mestieri più richiesti e che non fa più nessuno

Ma quali sono i motivi di queste mancanze? Prova a dare una spiegazione Paolo Ferrario, Presidente e Amministratore Delegato di E-work: «Per molti giovani i mestieri artigiani non sono professioni ambite perché c'è un atteggiamento culturale radicato, e sbagliato, che collega i lavori ad alta manualità a un disvalore». Invece, al contrario di questi convincimenti, si tratta di mestieri in grado di garantire sbocchi lavorativi sicuri e un altro grado di imprenditorialità. Prosegue: «Noi siamo sempre alla ricerca di profili specializzati per inserimenti con contratti di somministrazione o per assunzione diretta da parte delle azienda ma anche di ragazzi che abbiano voglia di imparare una nuova professione attraverso i nostri corsi di formazione gratuiti».

Le categorie per le quali si stenta a trovare personale sono quelle dei falegnami, installatori di infissi, panettieri, pasticceri, sarti, parrucchieri e cuochi. E Ferrario chiarisce: «I lavori basati sul saper fare con le mani saranno tra le professioni più ricercate del prossimo decennio al pari delle professionalità legate allo sviluppo delle nuove tecnologie, agli informatici e agli ingegneri. Specializzazione e capacità tecnologiche saranno quello si cui dovranno puntare gli artigiani 4.0 di domani».

La stessa società in questo momento ricerca su tutto il territorio nazionale 225 artigiani, 65 periti elettronici ed elettrotecnici, 50 elettricisti, 45 idraulici, 30 manutentori di impianti di condizionamento, 20 manutentori idraulici impiantisti e 15 cablatori quadri elettrici.

(25/08/2018 - Gabriella Lax)
In evidenza oggi:
» Addio multa se nel verbale mancano indicazioni sul segnale di preavviso
» Avvocati: verso l'assunzione negli studi legali
» Pensione invalidità solo ai residenti in Italia
» Processo civile telematico: le novità in vigore da oggi
» Il diritto di critica politica come esimente del reato di diffamazione

Newsletter f g+ t in Rss