Sei in: Home » Articoli

I lavori che gli italiani non vogliono fare

Secondo il bollettino del sistema informativo Excelsior ci sono difficoltà nel reperire fabbri, saldatori, montatori, meccanici e operai di macchine o per figure altamente specializzate
assunzione lavorativa di un giovane

di Gabriella Lax - Da una parte c'è il lavoro che manca e la disoccupazione che aumenta; dall'altro c'è la richiesta di figure specializzate in vari settori che però non si trovano nel mercato del lavoro. Questi i due volti di un Paese che fanno riflettere, come riporta il bollettino del sistema informativo Excelsior, un report realizzato da Unioncamere in collaborazione con Anpal, riportato da Adnkronos.

Ecco i lavori che gli italiani non vogliono fare

In Italia, secondo l'indagine, ci sono difficoltà nel reperire fabbri, saldatori, montatori, meccanici e operai di macchine o per figure altamente specializzate come tecnici ingegneristici e informatici.

La domanda è elevata anche nel settore della ristorazione, dell'estetica. Sostanzialmente o si tratta di lavori che richiedono una formazione approfondita e specializzata che posseggono in pochi oppure si tratta di lavori che gli italiani non vogliono fare.

La raccomandazione riguarda da un lato le scelte universitarie, con preferenza alle facoltà che possono garantire un impiego (ingegneria ne è un esempio). Per chi invece non vuole continuare a studiare, sarebbe bene individuare il settore lavorativo nel quale specializzarsi, preferendo quelli in cui c'è maggiore richiesta.

(26/08/2018 - Gabriella Lax) Foto: 123rf.com
In evidenza oggi:
» Anas cerca avvocati penalisti
» Successioni: dal 1° gennaio 2019 solo online
» La sospensione condizionale della pena
» Gratuito patrocinio: se il ricorso inammissibile addio compenso all'avvocato
» Bollette gas: dal 1 gennaio prescrizione ridotta a 2 anni

Newsletter f g+ t in Rss