Sei in: Home » Articoli

Reato per la madre che non fa vedere il figlio al padre

Il comportamento ostruzionistico rispetto al diritto di visita dell'ex coniuge giustifica una condanna per mancata esecuzione dolosa di un provvedimento del giudice
bambino confuso con carte che mostrano genitori separati

di Valeria Zeppilli - Ostacolare le visite tra l'ex coniuge e il figlio è un comportamento idoneo a far scattare una condanna penale in capo al genitore che lo pone in essere.

Con la sentenza numero 38608/2018 qui sotto allegata, la Corte di cassazione ha infatti confermato l'ennesima condanna in capo a una donna che aveva ripetutamente tenuto un atteggiamento oppositivo rispetto al mantenimento dei rapporti padre/figlio, così come stabilito dal giudice civile.

Il reato

Il reato contestato, in particolare, era quello di cui all'articolo 388 del codice penale, ovverosia la mancata esecuzione dolosa di un provvedimento del giudice.

Tale reato, come ricordato dalla Corte, si concretizza infatti "in qualunque comportamento, anche omissivo, da cui derivi la frustrazione delle legittime pretese altrui".

Nel caso di specie, esso risultava addirittura aggravato "dalla reiterazione e protrazione nel tempo delle oppositive condotte tenute dall'imputata, anche rispetto alle indicazioni rivenienti dai mediatori preposti ad assicurare il diritto di incontro del genitore con il figlio minore".

La condanna

Stante l'inammissibilità del ricorso proposto dalla madre, resta quindi ferma la sua condanna, derivata dal comportamento ostruzionistico, alla pena di 450 euro di multa, con danno civile da liquidarsi in separato giudizio, alla quale si aggiungono ora le spese processuali e legali del grado di legittimità e l'esborso di 2.000 euro in favore della cassa delle ammende.

Corte di cassazione testo sentenza numero 38608/2018
Valeria Zeppilli
Consulenza Legale
Laureata a pieni voti in giurisprudenza presso la Luiss 'Guido Carli' di Roma con una tesi in Diritto comunitario del lavoro. Attualmente svolge la professione di Avvocato ed � dottoranda di ricerca in Scienze giuridiche � Diritto del lavoro presso l'Universit� 'G. D'Annunzio' di Chieti � Pescara
(20/08/2018 - Valeria Zeppilli) Foto: 123rf.com
In evidenza oggi:
» Gratuito patrocinio: se il ricorso è inammissibile addio compenso all'avvocato
» Stralcio debiti sotto mille euro: la prima sentenza
» Quota 100: in pensione prima ma con assegno pi leggero
» Pensioni: arriva la tredicesima
» La prescrizione penale

Newsletter f g+ t in Rss