Sei in: Home » Articoli
 » Multe

Divieto detenzione armi: autotutela e ricorso

Ci sono casi dove il "no" dell'Autorità di PS sulla richiesta di autotutela ammette la riapertura dei termini per il ricorso giudiziale inizialmente non presentato
licenza porto armi pistola
Avv. Francesco Pandolfi - Un problema che si pone spesso nel momento in cui la persona interessata riceve un provvedimento di divieto detenzione delle armi (ex art. 39 t.u.l.p.s.) è relativo al tipo e al modo di impugnazione dell'atto amministrativo.

  1. Divieto detenzione armi: l'impugnazione
  2. Divieto detenzione armi: l'autotutela
  3. Quando l'autotutela è ammissibile

Divieto detenzione armi: l'impugnazione

La regola di base ammetterebbe, in teoria, una risposta articolata su tre passaggi:
a) il Vice Prefetto invia la comunicazione ex art. 7 L. n. 241/90 di avvio del procedimento,
b) successivamente dispone il divieto,
c) quindi l'interessato impugna il provvedimento in via gerarchica o giurisdizionale.
Questo lo schema di base.
Tuttavia la procedura illustrata ammette eccezioni.

Divieto detenzione armi: l'autotutela

L'eccezione è questa.
Per presentare una richiesta in autotutela l'interessato omette di impugnare il provvedimento in via gerarchica o giudiziale e, con un apposito atto, chiede al Prefetto di revocare il divieto sulla base di specifiche argomentazioni (pensiamo al caso, ad esempio, in cui il divieto sia stato emesso in quanto sul ricorrente si addensano sospetti sulla commissione di reati di violenza privata o violazione di domicilio e, in un secondo momento, egli si sente in grado di dimostrare che in realtà nessun reato si è consumato, oppure egli non è stato sottoposto ad alcun procedimento penale, oppure c'è stata la remissione della querela e, su tutto questo, l'Autorità riesamina nuovamente la situazione).

Quando l'autotutela è ammissibile

Vediamo dunque quando tutto questo si può fare.
In alcuni casi, dunque, il ricorso giudiziale sul diniego dell'autotutela viene ritenuto meritevole (Tar Potenza Sez. 1, sentenza n. 472 del 18 luglio 2018) di un regolare processo amministrativo: si tratta dei casi nei quali l'Autorità riesamina la situazione nuova e da vita alla cosiddetta riponderazione degli interessi pubblici e privati in conflitto.
Se invece, diversamente, il caso non presenta elementi nuovi da valutare, allora il diniego di autotutela è sempre un atto meramente confermativo che non riapre i termini (60 giorni) per l'impugnazione del primo provvedimento confermato.

Altre informazioni su questo argomento?
Contatta l'Avv. Francesco Pandolfi
3286090590
avvfrancesco.pandolfi66@gmail.com
Francesco Pandolfi
E-mail: francesco.pandolfi66@gmail.com - Tel: 328.6090590
Recapiti: Via Giacomo Matteotti 147, 4015 Priverno LT
Si occupa principalmente di Diritto Militare in ambito amministrativo, penale, civile e disciplinare ed � autore di numerose pubblicazioni in materia.
Altre informazioni su questo argomento? Richiedi una consulenza all'Avv. Pandolfi
(27/07/2018 - Avv.Francesco Pandolfi) Foto: 123rf.com

In evidenza oggi:
» Riforma processo civile: addio alle udienze inutili
» Le sentenze diventano tascabili
» Autovelox: multe tutte nulle
» L'infortunio in itinere
» Fatturazione elettronica: alcuni punti critici
Newsletter f g+ t in Rss