Sei in: Home » Articoli

Riforma processo civile: addio atto di citazione

Il ministro della giustizia Bonafede ha annunciato al Senato che entro l'autunno arriverà tra le altre la riforma del processo civile con diverse novità tra cui la cancellazione dell'atto di citazione
la parola riforma scritta col gesso su una lavagna
di Marina Crisafi - In arrivo una nuova riforma del processo civile. L'annuncio è del ministro della giustizia Bonafede, chiamato ad intervenire ieri in commissione al Senato sulle linee programmatiche del dicastero.

"Ho sempre considerato il legislatore che ha operato negli ultimi anni affetto dalla malattia della cosiddetta 'riformite'. I cui sintomi sono una produzione scomposta e spesso illogica di norme e di riti che hanno avuto il solo effetto di gettare l'ordinamento giuridico in uno stato di sempre maggiore incertezza" ha dichiarato il Guardasigilli, illustrando il programma relativo alla riforma del processo civile.

Riforma processo civile: le novità in arrivo

"L'idea di semplificazione normativa che intendo portare avanti, è ben rappresentata dall'immagine di interventi chirurgici, volti ad 'asciugare' l'attuale rito esistente senza, dunque, stravolgimenti inconsulti, forieri di periodi di lunga e controversa interpretazione giurisprudenziale e dottrinale", ha spiegato, sottolineando come "nell'ottica di realizzare un obiettivo di semplificazione con una significativa riduzione dei tempi del procedimento, la dilatazione dell'attività istruttoria rappresenta uno dei punti rispetto ai quali deve essere incentrata una riforma del rito civile".

Addio atto di citazione

Tra le novità concretamente previste, il ministro ha quindi citato "un esempio di intervento assolutamente concreto in grado di ridurre, con certezza, i tempi del processo e di semplificare la vita di tutti gli addetti ai lavori, e cioè: la cancellazione dell'atto di citazione come atto introduttivo, facendo rimanere soltanto il modello del ricorso".

Riforme entro l'autunno

Tutte le riforme, e dunque non solo quella del rito civile, "sono considerate priorità, sui cui interverremo entro l'autunno - ha quindi concluso Bonafede - con interventi governativi o del Parlamento" precisando che "per le questioni che prevedono interventi economici sulle risorse, si aspettano i tempi della finanziaria, come per la prescrizione, per la quale in ottobre ci saranno altri dettagli, quando avremo più dati".

(12/07/2018 - Marina Crisafi) Foto: 123rf.com
In evidenza oggi:
» Successioni: dal 1° gennaio 2019 solo online
» Assegno mantenimento figli naturali: quale reato per chi non lo versa?
» Gratuito patrocinio: se il ricorso inammissibile addio compenso all'avvocato
» Bollette gas: dal 1 gennaio prescrizione ridotta a 2 anni
» Cane senza guinzaglio nel cortile del condominio: cosa si rischia

Newsletter f g+ t in Rss