Sei in: Home » Articoli

730: quando arrivano i rimborsi?

Già a partire da luglio, secondo l'Agenzia delle entrate, i rimborsi Irpef derivanti dai modelli 730 del 2018 saranno inseriti nella retribuzione dal datore di lavoro o dal relativo ente pensionistico
dichiarazione tasse modello 730 del 2016

di Gabriella Lax - L'attesa è quasi giunta al termine per chi aspetta i rimborsi Irpef derivanti dal modelli 730 del 2018. Si tratta di quella parte di imposte pagate in più dal contribuente che allo stesso saranno restituite alla presentazione della dichiarazione dei redditi 2018.

Quando arrivano i rimborsi Irpef derivati dal modello 730?

Come chiarisce l'Agenzia delle entrate, i rimborsi dovranno arrivare già dalla retribuzione di luglio, per cui «il datore di lavoro o l'ente pensionistico deve effettuare i rimborsi relativi all'Irpef e alla cedolare secca o trattenere le somme o le rate (se è stata richiesta la rateizzazione), dovute a titolo di saldo e primo acconto relativi all'Irpef e alla cedolare secca, di addizionali regionale e comunale all'Irpef, di acconto del 20% su taluni redditi soggetti a tassazione separata, di acconto all'addizionale comunale all'Irpef».

Nel caso invece dei pensionati, trattenute o rimborsi verranno fatti a partire «dal mese di agosto o di settembre (anche se è stata richiesta la rateizzazione). Se la retribuzione erogata nel mese è insufficiente, la parte residua, maggiorata dell'interesse previsto per le ipotesi di incapienza, sarà trattenuta nei mesi successivi fino alla fine del periodo d'imposta».

Se invece dalla presentazione del 730 precompilato o ordinario presentato in assenza di sostituto, dovesse emergere un debito, toccherà al Caf o ad un professionista incaricato: trasmettere il modello F24 in via telematica all'Agenzia delle Entrate; oppure, entro il decimo giorno che precede la scadenza del termine di pagamento, dovrà essere consegnato il modello F24 compilato al contribuente che effettua il pagamento presso qualsiasi sportello di banche convenzionate, uffici postali o agenti della riscossione oppure, in via telematica, utilizzando i servizi online dell'Agenzia delle Entrate o del sistema bancario e postale.

(03/07/2018 - Gabriella Lax) Foto: 123rf.com
In evidenza oggi:
» Bollette gas: dal 1° gennaio prescrizione ridotta a 2 anni
» Gratuito patrocinio: se il ricorso è inammissibile addio compenso all'avvocato
» Stralcio debiti sotto mille euro: la prima sentenza
» Stop al divieto delle due lauree
» Gratuito patrocinio: se il ricorso inammissibile addio compenso all'avvocato

Newsletter f g+ t in Rss