Sei in: Home » Articoli
 » Avvocatura

Avvocati più ricchi se più telematici

Il compenso dei legali è aumentato del 30% se l'atto digitale da depositare contiene collegamenti ipertestuali
uomo con digitale sotto la camicia simbolo evoluzione internet
di Valeria Zeppilli - Se gli atti depositati telematicamente dagli avvocati sono redatti utilizzando delle tecniche informatiche tali da renderne più agevole la consultazione o la fruizione, il compenso per l'attività prestata è maggiorato del 30%.
Il recente d.m. n. 37/2018, infatti, ha modificato l'articolo 4 del d.m. n. 55/2014, stabilendo l'aumento del compenso per chi sfrutta la possibilità di eseguire la ricerca testuale all'interno degli atti e dei loro allegati e la navigazione all'interno degli atti.

Il decreto ingiuntivo del Tribunale di Verona

La novità, peraltro, non si limita a una mera enunciazione, ma sta iniziando a trovare riscontro anche nei provvedimenti giudiziali.
Ad esempio il Tribunale di Verona, nell'emettere il decreto ingiuntivo telematico provvisoriamente esecutivo del 7 giugno 2018 qui sotto allegato, ha disposto l'aumento del 30% del compenso spettante alla ricorrente proprio perché la stessa "ha predisposto il ricorso in modo da consentire la ricerca testuale dei numerosi documenti ad esso allegati".

Link all'interno degli atti

Oggi è quindi possibile e consigliabile inserire dei link all'interno degli atti da depositare che rinviino ai documenti allegati, a un'altra parte del documento e così via.
Si tratta, infatti, di uno strumento che non viola le specifiche tecniche del processo civile telematico, ma permette solo una più agevole e celere lettura degli atti giudiziari (che comunque continuano a non poter contenere elementi attivi).
I programmi che permettono di creare i collegamenti sono molteplici e tra essi rientrano anche MS Word, Latex e Libre Office.
L'idea è quella di incrementare i vantaggi degli atti digitali rispetto a quelli cartacei, specie se si tratta di documenti lunghi e complessi, sollecitando una "collaborazione attiva" degli avvocati.


Tribunale di Verona testo decreto ingiuntivo 7 giugno 2018
Valeria Zeppilli
Consulenza Legale
Laureata a pieni voti in giurisprudenza presso la Luiss 'Guido Carli' di Roma con una tesi in Diritto comunitario del lavoro. Attualmente svolge la professione di Avvocato ed � dottoranda di ricerca in Scienze giuridiche � Diritto del lavoro presso l'Universit� 'G. D'Annunzio' di Chieti � Pescara
(28/06/2018 - Valeria Zeppilli) Foto: 123rf.com
In evidenza oggi:
» Successioni: dal 1° gennaio 2019 solo online
» Assegno mantenimento figli naturali: quale reato per chi non lo versa?
» Gratuito patrocinio: se il ricorso inammissibile addio compenso all'avvocato
» Bollette gas: dal 1 gennaio prescrizione ridotta a 2 anni
» Cane senza guinzaglio nel cortile del condominio: cosa si rischia

Newsletter f g+ t in Rss