Sei in: Home » Articoli
 » Multe

Multe all'estero: cosa fare?

Guida breve sulla procedura per la contestazione di infrazioni alla circolazione stradale nei Paesi europei
uomo perplesso trova multa sulla sua auto
Avv. Francesco Pandolfi - Le Istituzioni Ue ritengono che il miglioramento del livello di sicurezza stradale dipenda anche dall'uniforme applicazione delle sanzioni per le infrazioni gravi alla disciplina della circolazione stradale commesse nel territorio dei Paesi membri.
In diverse altre occasioni abbiamo approfondito lo specifico regime sanzionatorio della Svizzera (vedi in merito Multe per eccesso di velocità in Svizzera: come difendersi). Ora illustriamo alcuni aspetti procedurali generali per avvicinarci progressivamente alla normativa e alla disciplina di questa complessa materia estesa ai Paesi europei:

  1. La procedura di scambio delle informazioni
  2. Quali sono i comportamenti sotto sanzione
  3. Natura della sanzioni
  4. La lettera di informazione sull'infrazione
  5. Il modulo di risposta
  6. La procedura di notifica del verbale all'estero
  7. La procedura di riscossione dei proventi
  8. Perchè chiedere assistenza legale

La procedura di scambio delle informazioni

Restando nell'ambito del problema sicurezza stradale in territorio europeo, per facilitare l'applicazione transfrontaliera di queste multe è stato ideato il sistema Cross Border attraverso lo sfruttamento di un'apposita piattaforma di informazione sui veicoli e sulle patenti.
Funziona in questo modo: per alcune infrazioni è consentito allo Stato membro in cui è stata commessa l'infrazione di conoscere i dati identificativi degli intestatari dei veicoli immatricolati negli altri Paesi.

Quali sono i comportamenti sotto sanzione

I comportamenti dell'utente della strada che vengono tenuti, per così dire, sotto stretta osservazione, sono otto:
2) mancato uso di cinture di sicurezza,
3) mancato uso del casco protettivo,
4) passaggio con semaforo proiettante luce rossa,
6) guida sotto effetto di stupefacenti,
7) circolazione su corsia vietata,
8) uso indebito di telefono cellulare, o strumenti analoghi, durante la guida.

Natura della sanzioni

E' bene sapere che ciascun Paese disciplina la materia, o può disciplinarla, in maniera diversa rispetto ad altri Paesi europei; pertanto non bisogna sorprendersi più di tanto se si riceve una notifica da parte di un determinato Paese dove la sanzione rileva solo sul piano amministrativo, mentre se la si riceve da un altro quella omologa sanzione rileva contemporaneamente sul fronte civile, penale e amministrativo.

La lettera di informazione sull'infrazione

Bisogna sapere che lo Stato nel quale è stata accertata l'infrazione è obbligato a spedire, al proprietario del veicolo o alla persona altrimenti ritenuta responsabile, la cosiddetta lettera di informazione.
Questa procedura si affianca all'altra, omologa, della notifica a persona residente all'estero.
La lettera deve essere dettagliata ed offrire ogni utile e più ampia informazione sulla trasgressione, il tutto nella lingua dello Stato di immatricolazione del veicolo con il quale è stata commessa l'infrazione; essa deve essere spedita insieme al verbale di accertamento e contestazione.

Il modulo di risposta

Cosa fare se si riceve il plico sopra indicato e si nota all'interno il modulo di risposta?
La prima cosa è stabilire che tipo di intervento e di apporto si vuole dare rispetto alla pretesa amministrativa ricevuta.
In sintesi, l'intestatario del veicolo può fare tre cose:
a) confermare di aver commesso l'infrazione,
b) disconoscerla e contestarla (non si tratta del ricorso vero e proprio, che va proposto a parte),
c) indicare le generalità del conducente.

La procedura di notifica del verbale all'estero

Per i residenti all'estero, la notificazione deve essere effettuata entro 360 giorni dall'accertamento.
Ciascuno Stato ha facoltà di notificare con il mezzo postale opportuno, raccomandata con avviso o altro equivalente.
Da sapere che, per questa specifica procedura, non si applicano le regole sulla compiuta giacenza.

La procedura di riscossione dei proventi

Per espressa disposizione normativa e programmatica, visto l'annoso problema dell'inefficacia ed inefficienza del sistema di riscossione coattiva all'estero, oggi si punta al principio di reciproco riconoscimento, tra gli Stati membri, delle sanzioni.
La sostanza della nuova disciplina è questa: la decisione definitiva che applica una sanzione pecuniaria ad una persona fisica che risiede o dimora ovvero, se persona giuridica, ha la propria sede legale nel territorio di uno dei Paesi UE, è trasmessa all'Autorità competente di tale Stato per darvi esecuzione.

Perchè chiedere assistenza legale

Di fronte ad una materia così complessa e soprattutto pensando alle plurime implicazioni nascenti da una sanzione irrogata da un Paese piuttosto che da un altro (si pensi solo a quello che accade con le multe in Svizzera, dove alla fase amministrativa si affianca praticamente sempre il procedimento penale), si consiglia vivamente l'assistenza di un avvocato sin dalle fasi di avvio della pratica sanzionatoria.

Altre informazioni su questo argomento?
Contatta l'Avv. Francesco Pandolfi
3286090590
avvfrancesco.pandolfi66@gmail.com
Francesco Pandolfi
E-mail: francesco.pandolfi66@gmail.com - Tel: 328.6090590
Recapiti: Via Giacomo Matteotti 147, 4015 Priverno LT
Si occupa principalmente di Diritto Militare in ambito amministrativo, penale, civile e disciplinare ed è autore di numerose pubblicazioni in materia.
Altre informazioni su questo argomento? Richiedi una consulenza all'Avv. Pandolfi
(20/06/2018 - Avv.Francesco Pandolfi) Foto: 123rf.com
In evidenza oggi:
» Arriva il Codice dei diritti degli animali
» Processo civile telematico: le novità in vigore da oggi
» Auto davanti al cancello di casa è reato
» Stop a Sim con servizi attivati e non richiesti
» Il diritto di critica politica come esimente del reato di diffamazione

Newsletter f g+ t in Rss