Sei in: Home » Articoli

Vitalizi parlamentari: ore contate

La nuova legislatura fa sul serio e Camera e Senato facendo leva sull'autonomia di cui dispongono potrebbero intervenire con una delibera per cancellare i tanto odiati vitalizi. Intanto annunciato il primo passo con l'avvio dell'istruttoria
tre poltrone con i colori della bandiera italiana

di Gabriella Lax - Primo passo verso la cancellazione dei vitalizi dei parlamentari. Il Collegio dei Questori ha presentato all'ufficio di Presidenza l'istruttoria sul ricalcolo dei vitalizi degli ex parlamentari con il metodo contributivo. Ci si avvia, dunque, verso il capitolo finale del regime di privilegio della "casta" da anni ormai nel mirino delle polemiche.

Vitalizi parlamentari: verso l'addio

A darne l'annuncio, in un comunicato stampa, il Questore anziano Riccardo Fraccaro, la vicepresidente Maria Edera Spadoni e i segretari dell'Ufficio di Presidenza Azzurra Cancelleri, Mirella Liuzzi, Carlo Sibilia e Vincenzo Spadafora, del Movimento 5 Stelle. E, dalla sua pagina di Facebook, rilancia il presidente della Camera Roberto Fico: «L'istruttoria molto dettagliata rappresenta il primo passo verso il superamento dei vitalizi- anche se serviranno - ulteriori approfondimenti».

L'idea dei Pentastellati non comporta la necessità di un disegno di legge o di un altro provvedimento di rango legislativo, ma si vorrebbe procedere con semplice delibera dell'ufficio di presidenza.

Secondo il programma i nuovi eletti non potranno più maturare una pensione a 65 anni di età nonostante i cinque anni di legislatura. I rimanenti (parlamentari ed ex parlamentari già andati in pensione) conserveranno la pensione, ma l'importo sarà inferiore, ricalcolato con il metodo contributivo.

Per i nuovi eletti inoltre non scatterà più nemmeno il diritto alla pensione di 1.000-1.200 euro al mese a 65 anni e dopo cinque anni di legislatura. I contributi verranno versati da Camera e Senato nei cinque o più anni di legislatura in caso di rielezione e questi verranno cumulati con quelli versati all'Inps o ad altri istituti previdenziali durante il normale percorso lavorativo. Per il resto dei parlamentari il ricalcolo dell'assegno avverrà con il solo metodo contributivo.

(30/04/2018 - Gabriella Lax) Foto: 123rf.com
In evidenza oggi:
» Affido condiviso: sì a diritto di visita rigido per tutelare i figli
» Reato di invasione di edifici: in arrivo multe fino a 2mila euro
» Il processo amministrativo
» Avvocati: verso l'assunzione negli studi legali
» Addio multa se nel verbale mancano indicazioni sul segnale di preavviso

Newsletter f g+ t in Rss