Sei in: Home » Articoli
 » Previdenza

L'Inps cerca avvocati

Al via la formazione delle liste degli avvocati domiciliatari e sostituti di udienza da parte dell'Inps. Domande entro il 14 marzo
lavoratori che corrono per arrivare per primi concetto concorrenza

di Marina Crisafi - AAA Avvocati cercasi. L'Inps ha reso noto ieri l'avvio della procedura per la formazione delle liste per gli avvocati domiciliatari e/o sostituti di udienza. Le domande vanno presentate telematicamente entro il 14 marzo prossimo.

Avvocati Inps, dove trovare gli avvisi

Nel sito Inps, avvisa l'istituto, sono presenti gli avvisi locali predisposti dalle Direzioni regionali e di coordinamento metropolitano, distinti per ciascun circondario di tribunale rientrante nell'ambito territoriale di competenza. Inoltre, da ieri la pubblicazione di tali avvisi è assicurata presso le sedi territoriali dell'Inps e ne verrà disposto l'invio ai consigli degli ordini degli avvocati territorialmente competenti, che provvederanno all'affissione nelle rispettive sede, inoltrando l'informazione agli iscritti.

Avvocati Inps: come fare domanda

Le domande, redatte con un apposito form, potranno essere presentate dagli avvocati interessati esclusivamente in via telematica, tramite il sito Inps (seguendo il percorso: homepage> avvisi, bandi e fatturazione>avvisi>procedura per la formazione di liste di Avvocati domiciliatari e/o sostituti d'udienza>invia la domanda) dalle ore 12,00 di ieri sino alle ore 14.00 del 14 marzo 2018.

Non verranno prese in considerazione, avvisa l'istituto, le domande che perverranno tramite posta e non saranno accettate quelle consegnate a mano presso le strutture dell'Inps.

La domanda dovrà essere presentata esclusivamente per la lista circondariale del Tribunale presso il cui Consiglio dell'Ordine degli Avvocati l'interessato è iscritto al momento della domanda.

Nella domanda, inoltre, dovrà essere indicata la Pec comunicata al Consiglio dell'Ordine presso cui l'avvocato è iscritto.

Avvocati Inps: la procedura

Su ogni domanda, sarà effettuata la verifica amministrativa della regolarità e completezza della stessa oltre all'inesistenza di cause di incompatibilità e di situazioni di conflitto di interessi.

Successivamente, una commissione ad hoc procederà alla valutazione delle domande e dei curricula.

A questo punto, le liste circondariali, compilate nei limiti dei fabbisogni dell'istituto, saranno pubblicate sul sito dello stesso.

Una volta formate le nuove liste, avvisa l'Inps, quelle formate in precedenza non saranno più valide. I professionisti già inseriti, ove interessati a partecipare all'attuale procedura (sempre che siano in possesso dei requisiti previsti dagli avvisi locali), potranno presentare una nuova domanda, secondo le modalità sopra descritte.

(23/02/2018 - Marina Crisafi) Foto: 123rf.com
In evidenza oggi:
» Gratuito patrocinio: non rileva l'ignoranza ai fini del reato
» Sì al pernotto dal papà anche se la mamma non vuole
» Poste Italiane: 7.500 assunzioni nel 2019
» Gestione Separata INPS: stop iscrizioni d'ufficio?
» Buche sul manto stradale: la responsabilità del Comune e dei conducenti

Newsletter f g+ t in Rss