Istituito con la manovra approvata ieri dal Senato il Fondo di ristoro finanziario per i risparmiatori, "vittime" della violazione degli obblighi di informazione, diligenza, correttezza e trasparenza delle banche in risoluzione o l.c.a.
rosso profondo con macchie sullo sfondo

di Roberto Paternicò - L'Assemblea del Senato della Repubblica ha rinnovato la fiducia al Governo, approvando l'emendamento n.1.700, interamente sostituivo della prima sezione del ddl n. 2960 "Bilancio di previsione dello Stato per l'anno finanziario 2018 e bilancio pluriennale per il triennio 2018-2020". L'emendamento governativo recepisce le modifiche approvate dalla Commissione Bilancio, con alcune correzioni e integrazioni di carattere tecnico e istituzionale e dopo il via libera di Palazzo Madama si passa alla Camera in seconda lettura.

Istituito il fondo di ristoro per i risparmiatori

Nel maxi-emendamento viene istituito un Fondo di ristoro finanziario per i risparmiatori, "vittime" della violazione degli obblighi di informazione, diligenza, correttezza e trasparenza previsti dal T.U.F. (decreto legislativo 24 febbraio 1998, n. 58) in relazione alla sottoscrizione e al collocamento di strumenti finanziari emessi da banche, con sede legale in Italia e sottoposte ad azione di risoluzione o comunque in liquidazione coatta amministrativa.

Come funziona il fondo di ristoro

I commi d'interesse dell'unico articolo dell'emendamento recitano:

"654. Nello stato di previsione del Ministero dell'economia e delle finanze é istituito un Fondo di ristoro finanziario con una dotazione finanziaria di 25 milioni di euro per ciascuno degli anni 2018 e 2019, per l'erogazione di misure di ristoro in favore di risparmiatori che hanno subito un danno ingiusto, riconosciuto con sentenza passata in giudicato o altro titolo equivalente, in ragione della violazione degli obblighi di informazione, diligenza, correttezza e trasparenza previsti dal testo unico delle disposizioni in materia di intermediazione finanziaria, di cui al

Che cosa è e quali sono le differenze rispetto al decreto legge" href="https://www.studiocataldi.it/articoli/28686-il-decreto-legislativo.asp" class="keyword-link">decreto legislativo 24 febbraio 1998, n. 58, nella prestazione dei servizi e delle attività di investimento relativi alla sottoscrizione e al collocamento di strumenti finanziari emessi da banche aventi sede legale in Italia sottoposte ad azione di risoluzione ai sensi del