Sei in: Home » Articoli

Sanzione amministrativa: l'obbligato solidale risponde sempre? Parola alle Sezioni Unite

Le SS.UU. della Cassazione dovranno dire se l'obbligo della persona giuridica coobbligata persiste anche se nei confronti dell'autore materiale la sanzione è estinta
domanda interrogativo

di Valeria Zeppilli – Con ordinanza interlocutoria numero 26063/2017 (qui sotto allegata), la Corte di cassazione ha chiamato le Sezioni Unite a rispondere a un'importante domanda: cosa accade se la sanzione amministrativa è estinta per decadenza nei confronti del suo autore materiale? L'eventuale società coobbligata può comunque risponderne?

Sanzione amministrativa estinta: gli orientamenti contrastanti

La rimessione al Primo Presidente per l'eventuale assegnazione alle SS.UU. è stata determinata dalla circostanza che, sul punto, sussistono posizioni contrastanti tra le sezioni semplici.

Da un lato, infatti, ci sono coloro che ritengono che dall'estinzione dell'obbligazione dell'autore materiale dell'infrazione debba farsi discendere automaticamente l'esclusione dell'obbligazione che incombe sull'obbligato solidale. Secondo tale orientamento, infatti, l'obbligazione gravante sul primo ha carattere principale e rispetto ad essa la posizione del secondo si pone in rapporto di accessorietà e dipendenza.

Dall'altro lato, invece, ci sono coloro che ritengono che il vincolo che lega l'autore di una violazione e la persona giuridica solidalmente responsabile sia rilevante solo se l'Amministrazione se ne avvalga concretamente agendo contro uno o l'altro o contro entrambi, mentre non assumerebbe alcuna rilevanza se l'Amministrazione proceda alla contestazione nei confronti dell'uno o dell'altro, con limitazione dell'effetto estintivo della pretesa sanzionatoria al solo soggetto nei cui riguardi non sia stata eseguita la notifica, tranne che in caso di morte del contravventore. Non solo: in forza di tale orientamento, la posizione dei due obbligati deve ritenersi autonoma e l'obbligato solidale per la sanzione amministrativa non deve considerarsi un obbligato solidale in ipotesi d'insolvibilità del condannato.

Rilevanza della questione sui principi generali dell'illecito amministrativo

Risolvere questa disputa, per i giudici della seconda sezione civile della Cassazione è quindi fondamentale: si tratta di un contrasto che investe i principi generali dell'illecito amministrativo e che, pertanto, necessita di un intervento chiarificatore delle Sezioni Unite.

Corte di cassazione testo ordinanza interlocutoria numero 26063/2017
Valeria Zeppilli
Consulenza Legale
Laureata a pieni voti in giurisprudenza presso la Luiss 'Guido Carli' di Roma con una tesi in Diritto comunitario del lavoro. Attualmente svolge la professione di Avvocato ed è dottoranda di ricerca in Scienze giuridiche – Diritto del lavoro presso l'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti – Pescara
(08/11/2017 - Valeria Zeppilli)
Le più lette:
» La responsabilità oggettiva
» Il reato di ricettazione
» Opposizione a decreto ingiuntivo: inammissibile per nullità della notifica via pec
» L'accollo
» Avvocati: prestazione sospesa se il cliente non paga
In evidenza oggi
Tari: come chiedere il rimborso dal 2014Tari: come chiedere il rimborso dal 2014
Cassazione: valida la querela implicitaCassazione: valida la querela implicita

Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF