Sei in: Home » Articoli

Al via la rottamazione cartelle fai da te

L'Agenzia delle Entrate ha lanciato il nuovo servizio online per la rottamazione delle cartelle direttamente sul web
matita che cancella parola debito

di Redazione - Al via alla rottamazione delle cartelle direttamente sul web. L'Agenzia delle Entrate ha lanciato il nuovo servizio online "Fai.D.A.te" che consente di rottamare "a km zero" le cartelle nell'area libera del portale dell'Agenzia e senza necessità di pin o password.

Rottamazione cartelle: il progetto digitale Fai D.A. te

Il nuovo progetto digitale 'Fai D.A. te' (dove D.A. sta per definizione agevolata) rappresenta una corsia preferenziale per risparmiare tempo e aderire alla rottamazione delle cartelle, evitando così di corrispondere sanzioni e interessi di mora, in conformità a quanto previsto dal recente decreto fiscale, nonché di regolarizzare le domande relative alla precedente definizione agevolata che erano state respinte.

Come rottamare le cartelle dal proprio Pc

Il nuovo servizio consente di presentare online, semplicemente collegandosi al portale dell'Agenzia, il modello di adesione alla rottamazione (modello DA-2017) per i carichi affidati all'agente della riscossione dal 1° gennaio al 30 settembre 2017.

Per presentare la domanda, nello specifico, basterà accedere al portale, cliccare sul link relativo alla definizione agevolata 2017 e compilare il modulo direttamente online, indicando le cartelle o gli avvisi che si vogliono rottamare e allegando i documenti di riconoscimento.

Sarà possibile, inoltre, scegliere se pagare in unica soluzione o a rate.

La richiesta va presentata entro il 15 maggio 2018.

Elenco cartelle rottamabili

Non solo. Nella pagina dedicata del portale si potrà richiedere anche l'elenco delle cartelle che possono essere rottamate. Uno strumento utile perché alcune cartelle per l'anno in corso potrebbero non essere ancora state notificate e quindi il cittadino potrebbe non esserne a conoscenza.

Fai da te anche per la rottamazione 2016

Il progetto vale anche per i "respinti" nel corso della rottamazione 2016, ossia per i contribuenti che si sono visti respingere la domanda di adesione alla scorsa definizione agevolata. Gli interessati potranno presentare, dunque, una domanda di regolarizzazione utilizzando il nuovo servizio, richiedendo anche la comunicazione delle somme dovute (già ricevuta insieme al diniego) per avere sotto controllo l'elenco delle cartelle rottamabili.

Basterà collegarsi alla sezione dedicata del portale "Regolarizzazione delle istanze respinte" e compilare direttamente online la domanda di regolarizzazione, specificando anche le cartelle/avvisi che si intendono rottamare e se si desidera pagare in unica soluzione o a rate.

In tal caso, il termine massimo per aderire è fissato al 31 dicembre.

(06/11/2017 - Redazione) Foto: 123rf.com
Le più lette:
» Il reato di ricettazione
» Opposizione a decreto ingiuntivo: inammissibile per nullità della notifica via pec
» Il permesso di soggiorno
» Avvocati: prestazione sospesa se il cliente non paga
» Addio assegno di divorzio per l'ex autosufficiente anche se il marito è miliardario
In evidenza oggi
Condominio: l'acqua non si stacca ai morosiCondominio: l'acqua non si stacca ai morosi
Accedere all'email altrui è reato anche se si conosce la passwordAccedere all'email altrui è reato anche se si conosce la password

Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF