Sei in: Home » Articoli

Armi uso caccia: l'affidabilità della persona viene sempre intaccata dallo stato di ebbrezza?

Le differenze sostanziali tra l'unico episodio e l'abuso continuativo di sostanze alcoliche
fucile appoggiato alla parete
Avv. Francesco Pandolfi - In tema di armi ad uso caccia, l'affidabilità della persona viene sempre intaccata dallo stato di ebbrezza? La risposta alla domanda è no: non tutte le situazioni sono uguali e, pertanto, ciascun caso va esaminato come se fosse a se stante.
Concetto questo messo in evidenza molto chiaramente dalla sezione 1 del Tar di Bolzano con la sentenza n. 220/2017, resa in materia di detenzione armi, licenza uso caccia e abuso di armi.

La sezione infatti sa bene che, prima di arrivare ad una valutazione discrezionale di inaffidabilità dell'interessato il Ministero dell'Interno e, per esso, la Questura, devono esaminare accuratamente la storia della persona, per far si che la motivazione del provvedimento (di eventuale rigetto) sia ancorata a dati oggettivi ed informazioni precise ed aggiornate sulla condotta e sulle condizioni di vita dell'interessato.

Il caso

Il Questore respinge l'istanza diretta al rilascio del porto d'armi per uso caccia: nell'ambito dell'istruttoria viene fuori un vecchio procedimento penale del richiedente, relativo a revoca della patente di guida a fronte di stato di ebbrezza.
La persona interessata non presenta alcuna memoria e il Questore, come accennato, respinge.
Parte allora il ricorso amministrativo, che si conclude con una sentenza favorevole per il richiedente la licenza.
Vediamo dunque perché si arriva a questa sentenza positiva.

La soluzione

La sentenza è scritta veramente bene in quanto, da una parte illustra in dettaglio i rigidi canoni cui deve attenersi il Ministero quando valuta l'affidabilità, dall'altra però ricorda che le componenti di questa complessa valutazione devono per forza poggiare su dati aggiornati e oggettivi sulla persona, non meramente ipotetici.
Nel caso trattato, il Questore ha di fronte un decreto penale di condanna di qualche anno prima (revoca della patente per guida in stato di ebbrezza alcolica).
Non ha altro.
La sua valutazione appare quindi carente, siccome basata su fatti esclusivamente riportati nella comunicazione di reato, di per sé insufficienti a provare la possibilità di un uso non corretto delle armi.

In pratica

Ciò che vuole dire il Tribunale è che da un singolo fatto non risaltano elementi così eloquenti da rendere superflua una specifica motivazione sulla non affidabilità del ricorrente.
Si parla di un unico episodio, non di abuso continuativo di alcol: è questa la grande differenza che, nel caso trattato, fa appunto vincere il ricorso all'interessato.

Diversamente, dice il Tar, se il Questore pensa di assegnare anche ad un singolo episodio un valore così decisivo ed importante, allora deve aggiungere ulteriori elementi di valutazione, diversi dalla semplice violazione del codice della strada (Consiglio di Stato, Sez. III, sentenza n. 575 del 5 febbraio 2015).
Altre informazioni su questo argomento?
Contatta l'avv. Francesco Pandolfi
3286090590
francesco.pandolfi66@gmail.com
Francesco Pandolfi
E-mail: francesco.pandolfi66@gmail.com - Tel: 328.6090590
Recapiti: Via Giacomo Matteotti 147, 4015 Priverno LT
Si occupa principalmente di Diritto Militare in ambito amministrativo, penale, civile e disciplinare ed è autore di numerose pubblicazioni in materia.
Altre informazioni su questo argomento? Richiedi una consulenza all'Avv. Pandolfi
(01/11/2017 - Avv.Francesco Pandolfi) Foto: 123rf.com
Le più lette:
» La responsabilità oggettiva
» Il reato di ricettazione
» Opposizione a decreto ingiuntivo: inammissibile per nullità della notifica via pec
» L'accollo
» Avvocati: prestazione sospesa se il cliente non paga
In evidenza oggi
Tari: come chiedere il rimborso dal 2014Tari: come chiedere il rimborso dal 2014
Cassazione: valida la querela implicitaCassazione: valida la querela implicita

Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF