Sei in: Home » Articoli

Etilometro: obblighi di revisione meno stringenti

Il Ministero mette un freno ai più recenti orientamenti giurisprudenziali e afferma che se manca una verifica periodica dell'etilometro non bisogna per forza ripetere la verifica primitiva ma basta provvedere ad effettuarla
Agente che utilizza etilometro

di Valeria Zeppilli – Cosa accade se l'etilometro salta una verifica? A dare una risposta a questo e ad altri interrogativi è il Dipartimento della Pubblica Sicurezza del ministero dell'Interno, intervenuto sulla questione delle verifiche periodiche degli etilometri, da tempo contornata da una zona grigia che lascia aperti diversi dubbi circa la portata effettiva della relativa disciplina.

Proprio per fugare tali dubbi, è stata emanata la circolare del 20 ottobre 2017 qui sotto allegata, che fornisce importanti chiarimenti circa le verifiche di funzionalità dei predetti strumenti.

Cosa accade se l'etilometro salta una verifica

In particolare, la Circolare si è occupata del caso in cui un etilometro salti una verifica periodica, per contraddire l'orientamento che si stava diffondendo tra i giudici, in base al quale in tale ipotesi l'etilometro dovesse essere sottoposto a verifica primitiva, come se si trattasse di un apparecchio nuovo ancora da introdurre in servizio. Per il Ministero piuttosto, se la verifica periodica è omessa, è sufficiente limitarsi a non utilizzare l'etilometro sino quando non si sia provveduto a porre rimedio all'inadempienza attuando la prescritta verifica.

La giurisprudenza

La posizione ministeriale si pone, insomma, in netto contrasto con quella che molti giudici avevano deciso di assumere negli ulimi tempi affermando implicitamente o esplicitamente a seconda dei casi che, per la perfetta funzionalità e l'utilizzabilità degli etilometri, fosse necessaria una continuità perfetta nelle verifiche.

Libretto metrologico necessario

La recente Circolare ha affrontato anche un ulteriore aspetto controverso, ovverosia quello del libretto nel quale sono registrate sia la visita primitiva che le visite periodiche (cd. libretto metrologico).

Sul punto, in particolare, il Ministero ha ribadito che in forza di quanto previsto dall'articolo 4 del decreto ministeriale numero 196/1990, gli etilometri utilizzati nel servizio di controllo devono essere sempre corredati di una copia autenticata del predetto libretto.


Circolare Ministero dell'interno 20 ottobre 2017
Valeria Zeppilli
Consulenza Legale
Laureata a pieni voti in giurisprudenza presso la Luiss 'Guido Carli' di Roma con una tesi in Diritto comunitario del lavoro. Attualmente svolge la professione di Avvocato ed è dottoranda di ricerca in Scienze giuridiche – Diritto del lavoro presso l'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti – Pescara
(25/10/2017 - Valeria Zeppilli)
Le più lette:
» Il reato di ricettazione
» Opposizione a decreto ingiuntivo: inammissibile per nullità della notifica via pec
» Il permesso di soggiorno
» Avvocati: prestazione sospesa se il cliente non paga
» Addio assegno di divorzio per l'ex autosufficiente anche se il marito è miliardario
In evidenza oggi
Condominio: l'acqua non si stacca ai morosiCondominio: l'acqua non si stacca ai morosi
Accedere all'email altrui è reato anche se si conosce la passwordAccedere all'email altrui è reato anche se si conosce la password

Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF