Sei in: Home » Articoli

Al via il wiifi gratis in tutta Europa

Approvato definitivamente dal Parlamento europeo il programma WiFi4EU
cartello che indica wifi gratis

di Gabriella Lax - Via libera a WiFi4EU, il nuovo programma dell'Unione europea per l'accesso gratuito a Internet con 120 milioni di euro per i prossimi due anni.

Leggi: Arriva il wifi gratis in tutta Europa

Il Parlamento europeo ha approvato infatti in via definitiva un nuovo programma comunitario per la creazione di connessioni Internet WIFI gratuite e senza condizioni discriminatorie. La vita delle persone si svolge sempre più online e più di un terzo degli abitanti dell'unione usa la connessione quotidianamente. Più wifi per tutti è il senso della decisione per colmare il divario digitale esistente. La risoluzione è stata approvata con ben 582 voti favorevoli, 98 contrari e 9 astensioni.

Wifi per tutti per colmare il divario digitale

«L'iniziativa WIFI4EU – ha chiarito il relatore, Callos Zorrinho (S&D, Pt) sul sito del parlamento europeo - è stata una forte visione politica che diventerà presto una realtà concreta in tutta l'UE e farà sì che, indipendentemente da dove viva o da quanto guadagni, ogni europeo tragga vantaggio da una connessione WIFI di alta qualità. Ciò migliorerà la società europea dei gigabit, rendendola economicamente competitiva e socialmente inclusiva».

I fondi saranno usati in modo "geograficamente equilibrato" in circa 6000 comunità in tutti gli Stati e sulla base dell'ordine di arrivo delle richieste. Ma si prevede che di questo progetto pilota potranno avvantaggiarsi fino a 8000 comuni. Ad essere finanziate saranno le connessioni wireless gratuite nei centri pubblici, compresi gli spazi esterni accessibili al grande pubblico (biblioteche, amministrazioni pubbliche, ospedali, ecc.). alcune Regioni sono già in procinto di farne richiesta.

Wifi: ammissibilità e condizioni

Per l'accesso ai fondi, gli enti pubblici dovranno coprire i costi operativi della rete per almeno tre anni e offrire agli utenti una connessione gratuita, facile da accedere e sicura. L'uso dei fondi sarà consentito a condizione che siano esclusi sia pubblicità sia utilizzo di dati personali a fini commerciali. Non passeranno i progetti in aree con offerte analoghe gratuite pubbliche o private. L'accesso deve essere fornito nelle lingue dello Stato membro interessato e, se possibile, in altre lingue ufficiali dell'UE.

(12/09/2017 - Gabriella Lax) Foto: 123rf.com
In evidenza oggi:
» Avvocati: verso l'assunzione negli studi legali
» Bisogni dei cani non raccolti? Ora c'è la prova del Dna
» Pensione invalidità solo ai residenti in Italia
» Processo civile telematico: le novità in vigore da oggi
» Il diritto di critica politica come esimente del reato di diffamazione

Newsletter f g+ t in Rss