Sei in: Home » Articoli

Separazioni: Gassani, il 30% delle crisi coniugali in estate

Secondo i dati degli avvocati matrimonialisti, i mesi maggiormente "incriminati" sono luglio e agosto
coppia che litiga in vacanza

di Redazione - È d'estate il periodo in cui le coppie scoppiano. Circa il 30%, infatti, "delle crisi coniugali che sfociano a settembre in un ricorso per separazione, si consuma durante le vacanze estive" afferma all'Adnkronos il presidente dell'associazione Avvocati Matrimonialisti Italiani, Gian Ettore Gassani.

Ciò dimostra "che la coppia scoppia proprio nel momento in cui dovrebbe ritrovare se stessa – spiega lo stesso in una nota, aggiungendo che - ogni anno è sempre la solita storia: spesso i coniugi vanno in vacanza pensando all'amante e si fanno puntualmente scoprire e il cellulare, neanche a dirlo è la principale fonte di prova, anche quando stranamente non squilla o è silenziato".

La coppia scoppia d'estate: i dati degli avvocati matrimonialisti

D'estate, dunque, prosegue il presidente dei matrimonialisti, "aumentano i litigi, le aggressioni e le denunce penali perché si trascorre più tempo insieme ed emergono criticità che, durante l'inverno, restano sopite. Ma, si sa, prima o poi i nodi vengono al pettine".

E negli ultimi cinque anni "mediamente sono state iscritte a ruolo 25mila separazioni nei mesi di settembre e ottobre - conclude Gassani, a dimostrazione che i mesi più a rischio sono proprio "luglio e agosto''.

(03/09/2017 - Redazione) Foto: 123rf.com
Le più lette:
» La responsabilità oggettiva
» Il reato di ricettazione
» Opposizione a decreto ingiuntivo: inammissibile per nullità della notifica via pec
» L'accollo
» Avvocati: prestazione sospesa se il cliente non paga
In evidenza oggi
Responsabilità medica: la prova del danno spetta al pazienteResponsabilità medica: la prova del danno spetta al paziente
Rischia il carcere senza condizionale il padre che non mantiene i figliRischia il carcere senza condizionale il padre che non mantiene i figli

Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF