Sei in: Home » Articoli

Armi: i reati che non impediscono il rilascio della licenza (per uso caccia)

Per il Tar Lazio se l'interessato non ha commesso reati ostativi al rilascio del titolo il decreto di diniego va annullato
fucile appoggiato alla parete
Avv. Francesco Pandolfi - Punto di partenza della vicenda: la Questura respinge l'istanza di rilascio della licenza di porto di fucile ad uso caccia.
Il motivo di tale diniego poggia sul fatto che la persona interessata è stata condannata, tredici anni or sono, per concorso in abuso d'ufficio e falsità ideologica commessa da p.u. in atti pubblici.

La posizione dell'interessato

Il ricorrente ritiene evidentemente che ci sia qualcosa di sbagliato in questo decreto prefettizio: decide pertanto di agire promuovendo un ricorso davanti il tribunale amministrativo.
Ritiene infatti che la commissione dei reati descritti non abbia alcun significato circa l'utilizzo lecito delle armi e, soprattutto, non sia espressamente prevista come causa ostativa dagli artt. 11 e 43 del T.U.L.P.S.
Gli argomenti che utilizza nella redazione del ricorso sono i seguenti:

1) violazione dei principi del giusto procedimento,

2) violazione degli artt. 11 e 43 T.U.L.P.S.,

3) assenza di vere cause di diniego delle autorizzazioni di polizia,

4) assenza di valutazione sull'affidabilità reale della persona,

5) assenza di valutazione della documentazione medica, che comprova l'idoneità al maneggio dell'arma.


La posizione del Ministero e della Questura

E' di segno opposto: per sostenere i propri argomenti produce alcune considerazioni e documenti.

La decisione del Tar

Favorevole per il ricorrente (Tar Lazio Roma, sezione 1 ter, sentenza n. 6433 del 31 maggio 2017).

Diciamo subito che il ragionamento dei giudici di primo grado è corretto siccome aderisce perfettamente al contenuto delle norme regolatrici della fattispecie.
Dice infatti il Tar che il rilascio della (negata) licenza è regolamentato dagli artt. 11 e 43 T.U.L.P.S.: all'interno di queste fondamentali norme si trovano tutti gli elementi che ostacolano il rilascio e che, se sopravvengono, ne determinano la revoca.
Orbene, nel caso esaminato, al momento in cui è stato adottato l'atto impugnato il ricorrente non si trovava in nessuna delle ipotesi lì contemplate.
Il decreto impugnato è basato solo sul casellario giudiziale, che riporta una condanna di tredici anni fa per i reati sopra descritti, che però non hanno nulla a che fare con l'uso delle armi.
Tra l'altro, non risulta svolta neppure un'approfondita analisi della reale condotta della persona rispetto all'utilizzo delle armi.
Ragion per cui il decreto questorile viene annullato.

Altre informazioni?
Contatta l'avv. Francesco Pandolfi
3286090590 francesco.pandolfi66@gmail.com
Francesco Pandolfi
E-mail: francesco.pandolfi66@gmail.com - Tel: 328.6090590
Recapiti: Via Giacomo Matteotti 147, 4015 Priverno LT
Si occupa principalmente di Diritto Militare in ambito amministrativo, penale, civile e disciplinare ed è autore di numerose pubblicazioni in materia.
Altre informazioni su questo argomento? Richiedi una consulenza all'Avv. Pandolfi
(19/08/2017 - Avv.Francesco Pandolfi) Foto: 123rf.com
Le più lette:
» La responsabilità oggettiva
» Il reato di ricettazione
» Opposizione a decreto ingiuntivo: inammissibile per nullità della notifica via pec
» L'accollo
» Avvocati: prestazione sospesa se il cliente non paga
In evidenza oggi
Tari: come chiedere il rimborso dal 2014Tari: come chiedere il rimborso dal 2014
Cassazione: valida la querela implicitaCassazione: valida la querela implicita

Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF