Sei in: Home » Articoli

Rottamazione: chi non paga entro oggi perde il beneficio

Triplice fischio per la rottamazione delle cartelle. Scade oggi la possibilità di pagare per chi ha attivato la procedura
timbro per tasse pagate

di Gabriella Lax - Scade oggi il termine per il pagamento della prima delle rate concordate con il fisco o dell'intera cifra del debito per chi ha aderito all'operazione rottamazione delle cartelle. A ricordarlo è l'Agenzia delle Entrate con un messaggio sulla home page. "Il DL n. 193/2016 convertito con modificazioni dalla Legge n. 225/16 stabilisce, in caso di mancato pagamento entro il 31 luglio 2017 della prima o unica rata della definizione agevolata (cosiddetta rottamazione di cartelle/avvisi), la perdita dei relativi benefici previsti e, di conseguenza, la ripresa delle procedure di riscossione da parte dell'Agenzia delle Entrate-Riscossione".

Rottamazione cartelle, chi non paga perde il beneficio

Chi ha attivato la procedura, ma non paga entro oggi perderà il beneficio. I contribuenti avevano ricevuto le comunicazioni con le informazioni sugli importi da pagare e le date entro le quali effettuarli, sull'accoglimento o il rigetto dell'adesione; gli eventuali carichi di debiti che non rientrano nella definizione agevolata. Nella comunicazione c'erano anche i bollettini di pagamento in base alla scelta effettuata al momento della compilazione del modulo DA1 e il modulo per l'addebito sul conto corrente.

Termini di pagamento

La scadenza della prima rata è fissata per la giornata di oggi. In caso di rateizzazione il 70% del dovuto sarà pagato nell'anno 2017 e il restante 30% nell'anno 2018. Per chi ha scelto di pagare in 5 rate le scadenze saranno: luglio 2017 (col 24% del dovuto), settembre 2017 (23%), novembre 2017 (23%), aprile 2018 (15%) e settembre 2018 (15%).

Modalità di pagamento

Il pagamento potrà avvenire tramite bollettini RAV (precompilati in base alla scelta effettuata dal contribuente al momento della compilazione del modulo di richiesta) inviati da Equitalia nella comunicazione (insieme al modulo per l'addebito in conto corrente). Si potrà pagare presso la propria banca, agli sportelli bancomat (ATM) degli istituti di credito che hanno aderito ai servizi di pagamento CBILL, con il proprio internet banking, agli uffici postali, nei tabaccai che aderiscono a Banca 5 S.p.a. e tramite circuiti Sisal e Lottomatica, nonché sul portale di Equitalia e con l'App Equiclick tramite la piattaforma PagoPa. In ultimo presso gli sportelli Equitalia. Per aderire al servizio di addebito diretto su conto corrente è necessario che la richiesta di attivazione del mandato, nel rispetto delle procedure e degli adempimenti previsti dal sistema interbancario, venga presentata alla banca del titolare del conto almeno 20 giorni prima della scadenza della rata.

Fisco, arrivano le proroghe

Accordate nel frattempo una serie di proroghe, già pubblicate nella Gazzetta Ufficiale. Altre sono state soltanto presentate. La scadenza era precedentemente fissata per la giornata di oggi ma è stato prorogato al 30 settembre il termine di presentazione della domanda di adesione alla voluntary disclosure bis, per la regolarizzazione dei capitali all'estero.

Il Decreto del Presidente del Consiglio dei ministri è stato firmato da Paolo Gentiloni e ora si attende la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale.

È stato invece già pubblicato il Dpcm che proroga, al 31 ottobre 2017 del termine per la presentazione della dichiarazione dei sostituti d'imposta (modello 770) e delle dichiarazioni in materia di imposte sui redditi e di Irap. In particolare la dichiarazione dei sostituti d'imposta è presentata in via telematica, direttamente ovvero tramite i soggetti incaricati entro il 31 ottobre 2017. Anche le dichiarazioni in materia di imposte sui redditi e di imposta regionale sulle attività produttive slittano al 31 ottobre 2017. Dal 21 luglio 2017 al 20 agosto 2017 anche i lavoratori autonomi potranno effettuare i versamenti delle imposte con una lieve maggiorazione, a titolo di interesse, pari allo 0,40%.

Già pubblicato invece pubblicato il decreto di proroga, fino al 31 ottobre 2017, del termine di presentazione della dichiarazione dei sostituti d'imposta (modello 770) e delle dichiarazioni in materia di imposte sui redditi e di Irap. Nello specifico la dichiarazione dei sostituti d'imposta è presentata in via telematica, direttamente o tramite i soggetti incaricati entro il 31 ottobre 2017. Prorogato al 31 ottobre 2017 il termine per le dichiarazioni in materia di imposte sui redditi e di imposta regionale sulle attività produttive. Dal 21 luglio 2017e fino al 20 agosto 2017 anche i lavoratori autonomi potranno versare le imposte con una lieve maggiorazione (come interessi), pari allo 0,40%.

(31/07/2017 - Gabriella Lax) Foto: 123rf.com
In evidenza oggi:
» Addio multa se nel verbale mancano indicazioni sul segnale di preavviso
» Avvocati: verso l'assunzione negli studi legali
» Il processo amministrativo
» Avvocati: verso l'assunzione negli studi legali
» Addio divorzio breve, arriva la mediazione

Newsletter f g+ t in Rss