Sei in: Home » Articoli

RC auto: niente rivalsa se il contraente non è né proprietario né conducente

Per la Cassazione, in tali casi, chi ha stipulato il contratto non incorre in responsabilità civile e non assume la qualità di assicurato
perito che osserva con lente auto assicurazione

di Valeria Zeppilli – Nel campo dell'assicurazione per la responsabilità civile auto, l'eventuale rivalsa dell'assicuratore non può essere esercitata nei confronti del semplice sottoscrittore della polizza assicurativa, se questi non è il proprietario dell'auto, né, al momento del sinistro, era il conducente del mezzo o uno degli altri soggetti individuati dal comma 3 dell'articolo 2054 del codice civile.

L'assicurato

L'ordinanza numero 17963/2017 della Corte di cassazione, depositata il 20 luglio e qui sotto allegata, ha infatti chiarito che la qualità di assicurato, nei casi di responsabilità che deriva dalla circolazione dei veicoli, può essere rivestita solo dai soggetti che potrebbero divenire civilmente responsabili per i danni cagionati per effetto della circolazione del mezzo.

Il contraente non proprietario

Del resto, per i giudici, chi si limita a sottoscrivere il contratto di assicurazione, ma non è proprietario del mezzo assicurato e prevede di non condurlo mai, ha in realtà sottoscritto un'assicurazione per conto altrui. L'assicurazione è per conto di chi spetta, poi, se il contraente non è proprietario e prevede di condurre il mezzo assicurato alternandosi con altri.

In entrambi casi, se il veicolo cagiona un sinistro mentre è condotto da una persona diversa dal contraente, quest'ultimo non incorre in responsabilità civile e non assume la qualità di assicurato. Pertanto, non può neanche trovarsi esposto all'eventuale regresso da parte della Compagnia di assicurazioni.

Tanto è accaduto nel caso di specie, con la conseguenza che la domanda di rivalsa della compagnia nei confronti del contraente è stata definitivamente rigettata.

Corte di cassazione testo ordinanza numero 17963/2017
Valeria Zeppilli
Consulenza Legale
Laureata a pieni voti in giurisprudenza presso la Luiss 'Guido Carli' di Roma con una tesi in Diritto comunitario del lavoro. Attualmente svolge la professione di Avvocato ed è dottoranda di ricerca in Scienze giuridiche – Diritto del lavoro presso l'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti – Pescara
(21/07/2017 - Valeria Zeppilli) Foto: 123rf.com
In evidenza oggi:
» Avvocati anti crisi: divorzi a 200 euro
» A che età si può andare in pensione: guida con tabelle semplificative
» A che età si può andare in pensione: guida con tabelle semplificative
» Il falso ideologico
» Resto al Sud: 200mila euro da gennaio ai giovani


Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF