Sei in: Home » Articoli

Dichiarazioni dei redditi: in linea di principio si possono sempre correggere

Riflessioni sulla sentenza della Corte di Cassazione civ n. 3210/2017 in materia di Irap
uomo debitore protetto da un ombrello
Avv. Francesco Pandolfi - Siamo in tema di Irap: le dichiarazioni dei redditi sono, in linea di principio, sempre emendabili, anche in sede processuale dove, a causa dell'errore commesso, ne derivi l'assoggettamento del dichiarante ad un tributo più gravoso di quello previsto dalla legge.

Irap ed errori nella dichiarazione

Una considerazione questa che scaturisce dalla lettura della sentenza in commento (Cass. n. 3210/2017), resa in materia di Irap e di contestazione della debenza del tributo frutto di errore nella dichiarazione presentata.
Si tratta di una sentenza interessante ed utile in quanto, pur analizzando uno specifico caso, si ricollega a principi generali dell'ordinamento.
L'Irap è l'imposta regionale sulle attività produttive: sin dal suo esordio ha suscitato molte polemiche nel mondo delle imprese.
La pronuncia si richiama al principio generale dettato dall'art. 53 Cost. e pone attenzione alla figura del contribuente.

Il caso

Nel caso commentato, l'interessato ricorre per cassazione contro la sentenza della Commissione Tributaria Regionale che ha confermato la legittimità della cartella di pagamento emessa a suo carico per il pagamento dell'Irap riferita ad un certo anno.
Focalizzando il secondo motivo di ricorso, l'interessato prospetta un vizio della decisione collegato all'impossibilità di formulare nel giudizio promosso contro la cartella di pagamento le doglianze sull'insussistenza dei presupposti di assoggettabilità all'Irap del contribuente.

La decisione della Cassazione

La Corte ritiene fondato questo motivo.
Ha ritenuto (Cass. n. 4049/2015) che in tema di Irap il contribuente possa contestare la debenza del tributo (frutto di errore nella dichiarazione presentata) anche in sede di impugnazione della cartella di pagamento, anche oltre la scadenza del termine ex art. 2 comma 8 bis D.P.R. n. 322/98, visto che le dichiarazioni dei redditi sono, in linea di principio, sempre emendabili, sin in sede processuale, dove a causa dell'errore commesso ne derivi (in contrasto con il principio di cui all'art. 53 Cost: tutti sono tenuti a concorrere alla spesa pubblica in ragione della loro capacità contributiva) l'assoggettamento del dichiarante ad un tributo più pesante di quello previsto dalla legge.

In pratica

Questo principio non è stato seguito dal giudice di merito.
In effetti quel giudice ha ritenuto che il contribuente, dopo aver pagato l'Irap, poteva solo proporre istanza di rimborso per sostenere la non debenza del tributo.
Altre informazioni su questo argomento?
Contatta l'avv. Francesco Pandolfi
3286090590
francesco.pandolfi66@gmail.com

Francesco Pandolfi
E-mail: francesco.pandolfi66@gmail.com - Tel: 328.6090590
Recapiti: Via Giacomo Matteotti 147, 4015 Priverno LT
Si occupa principalmente di Diritto Militare in ambito amministrativo, penale, civile e disciplinare ed è autore di numerose pubblicazioni in materia.
Altre informazioni su questo argomento? Richiedi una consulenza all'Avv. Pandolfi
(09/07/2017 - Avv.Francesco Pandolfi) Foto: 123rf.com
In evidenza oggi:
» Il genitore non può imporre al figlio la sua religione
» Stalking: arriva l'app per raccogliere le prove
» Privacy: da oggi in vigore il Gdpr, ecco la guida per gli avvocati
» Costi occulti nella telefonia mobile: come difendersi?
» Risarcimento vedova: la pensione di reversibilità non si tocca


Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss