Sei in: Home » Articoli

Codice Antimafia: via libera del Senato

Il DDL di riforma passa ora nelle mani della Camera
mano che indica stop a crimine organizzato

di Valeria Zeppilli - Con 129 voti favorevoli, 56 voti contrari e 30 astenuti, la riforma del Codice Antimafia ha superato il vaglio del Senato e passa ora nelle mani della Camera.

La "bagarre"

Il via libera è avvenuto nonostante l'astensione preannunciata da parte del Movimento Cinque Stelle, che ha deciso di disertare la votazione dopo che è stata dichiarata inammissibile la sua proposta di eliminare la limitazione in forza della quale le misure cautelari si estenderebbero ai corrotti solo se si ravvisa anche un'ipotesi di associazione a delinquere.

L'Agenzia per i beni confiscati

Tra le novità previste dal testo approvato in Senato vi è, innanzitutto, il potenziamento dell'Agenzia per i beni sequestrati e confiscati, che, per come è strutturata ora, subisce spesso pesanti critiche.

Il DDL affida al direttore (che non deve più coincidere necessariamente con un prefetto) il compito di amministrare i beni dopo la confisca di secondo grado. La vigilanza resta in capo al Ministro dell'Interno.

All'Agenzia vengono, inoltre, assegnate 200 unità e si prevede il suo dislocamento tra Roma, ove si trova la sede centrale, e Reggio Calabria, Palermo, Catania, Napoli, Bologna e Milano, sedi di uffici decentrati.

Confische e sequestri

Sarà la stessa confisca, poi, ad ampliare la sua operatività unitamente al sequestro, poiché le norme previste per i mafiosi in materia si estenderanno anche agli indiziati di stalking, terrorismo, concussione e corruzione.

Incompatibilità

La riforma del Codice Antimafia licenziata dal Senato, infine, introduce importanti novità anche per gli amministratori giudiziari e i curatori fallimentari delle aziende sequestrate e confiscate, con la previsione di una serie di rigide incompatibilità.

Codice Antimafia, il testo approvato
Valeria Zeppilli
Consulenza Legale
Avvocato e dottore di ricerca in Scienze giuridiche, dal 2015 fa parte della redazione di Studio Cataldi -- Il diritto quotidiano. Collabora con la cattedra di diritto del lavoro, diritto sindacale e diritto delle relazioni industriali dell'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti - Pescara.
(06/07/2017 - Valeria Zeppilli) Foto: 123rf.com

In evidenza oggi:
» Avvocati: come inserire le spese anticipate nella fattura elettronica
» Divorzio: la Cassazione "riabilita" il tenore di vita
» L'Agenzia delle entrate-riscossione cerca avvocati
» Condominio: nuovi obblighi antincendio dal 6 maggio
» Avvocati: le nuove regole per i curatori fallimentari
Newsletter f t in Rss