Sei in: Home » Articoli

Niente passaporto al padre che non sta mai con i figli

Per il giudice tutelare di Lecce il diritto dei minori a mantenere rapporti con i genitori prevale sulla libertā di spostamento del papā
uomo triste e depresso

di Valeria Zeppilli - Il padre che non versa l'assegno di mantenimento e non č presente nella vita dei figli rischia di perdere il passaporto e di non poter espatriare. 

Con una recente pronuncia, infatti, il giudice tutelare di Lecce ha posto sui due piatti della bilancia la libertā di spostamento di un uomo, da un lato, e il diritto dei suoi figli a mantenere con lui un rapporto stabile, dall'altro, conferendo un peso di gran lunga maggiore a quest'ultimo senza dare rilevanza al fatto che solo trasferendosi all'estero il padre avrebbe potuto rifarsi una vita con la sua nuova compagna.

Gravitā della condotta

Per il giudice la condotta tenuta dall'uomo, che č sparito dalla vita dei figli in affido condiviso per venti giorni e non ha adempiuto al suo obbligo di mantenimento, č infatti di una gravitā tale da non permettere la concessione del documento per espatriare.

L'uomo, peraltro, risultava irreperibile all'anagrafe e tutti gli atti recapitati all'indirizzo di sua madre erano stati rifiutati, tanto da lasciare un'alea di mistero su dove vivesse e cosa facesse, rispetto alla quale non č valso a nulla il suo tentativo di giustificare la presenza altalenante e l'impossibilitā di risiedere in una precisa localitā con motivi di lavoro.

Per tutte tali ragioni insomma, a parere del giudice il padre non merita il passaporto: la prioritā č quella di garantire ai minori di conservare con lui un rapporto continuativo, senza rischi che il legame si interrompa per sempre.

Condanna penale

Ma non solo: per il suo atteggiamento, l'uomo si ritrova anche con una condanna penale per il reato di violazione degli obblighi di assistenza familiare di cui all'articolo 570 del codice penale, derivante dal non aver versato ai figli il mantenimento di 300 euro mensili ciascuno.


Valeria Zeppilli
Consulenza Legale
Laureata a pieni voti in giurisprudenza presso la Luiss 'Guido Carli' di Roma con una tesi in Diritto comunitario del lavoro. Attualmente svolge la professione di Avvocato ed č dottoranda di ricerca in Scienze giuridiche – Diritto del lavoro presso l'Universitā 'G. D'Annunzio' di Chieti – Pescara
(01/06/2017 - Valeria Zeppilli) Foto: 123rf.com
In evidenza oggi:
» Multa: possibile l'annullamento in autotutela?
» Divorzio: niente assegno alla ex che da separata conduce una vita dignitosa
» Tredicesima: a chi spettano i 154 euro in pių?
» Il disconoscimento di paternitā - guida con fac-simile
» La messa alla prova


Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF