Sei in: Home » Articoli

Un like su Facebook può valere una condanna per diffamazione

In Svizzera la prima condanna per un mi piace a un commento scritto da terzi
tenere con le mani cartello con like facebook

di Marina Crisafi – Arriva dalla Svizzera la prima condanna per il reato di diffamazione a mezzo "like". A farne le spese è un cittadino 45enne condannato per aver cliccato "mi piace" ad alcuni commenti postati su Facebook da terzi

La vicenda risale al 2015, ma la sentenza è stata emessa ora dal tribunale di Zurigo ed è la prima nella storia giudiziaria a condannare una persona per un like a commenti scritti da altre persone.

Diffamazione per un like

Secondo quanto riporta Italiaoggi, tra le motivazioni dei giudici, l'uomo avendo dimostrato il proprio apprezzamento nei confronti di alcuni commenti offensivi (tra cui razzista, fascista, ecc.), nei confronti del presidente di un'associazione animalista, avrebbe contribuito a diffondere le accuse del post peraltro non dimostrate.

Così, confermata la condanna l'imputato è stato condannato a pagare 4mila franchi svizzeri (ossia circa 3.700 euro). Avrà comunque possibilità di proporre appello.

Leggi anche: 

- Diffamazione su Facebook: è grave ma non troppo

- Facebook: la diffamazione è aggravata se l'offesa è fatta in bacheca



(31/05/2017 - Marina Crisafi) Foto: 123rf.com
In evidenza oggi:
» Decreto ingiuntivo: nell'opposizione non si può contestare l'appartenenza al condominio
» Avvocati: perché portano la toga nera?
» Processo civile telematico: serve l'attestazione di conformità per la copia cartacea della notifica via Pec
» Avvocati: dal 1° marzo comunicazione telematica per gli adempimenti di lavoro
» Divorzio: quando la moglie deve restituire il 50% delle rate del mutuo pagate per intero dal marito?


Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss