Sei in: Home » Articoli

La mediazione obbligatoria diventa strutturale

La Commissione bilancio ha dato il via libera all'emendamento alla manovrina che manda a regime il rimedio
mediazione contratto id0

di Valeria Zeppilli – In vista del termine dei quattro anni di sperimentazione della mediazione obbligatoria, fissato per il 20 settembre 2017, la manovrina è divenuta il provvedimento prescelto per rendere strutturale il rimedio, tirandolo fuori dalla precarietà.

La commissione bilancio della Camera, infatti, ha approvato il relativo emendamento apportato dal relatore del provvedimento d'intesa con il Ministero della giustizia, mediante il quale, quindi, la mediazione obbligatoria dovrebbe finalmente andare a regime.

Ora è probabile la fiducia su tutta la manovrina, che deciderà anche le sorti dello strumento di risoluzione stragiudiziale delle controversie di cui alla legge numero 28/2010, il quale, negli anni, ha subito alterne vicende, ma che ora si appresta a divenire strutturale.

Mediazione obbligatoria: le materie

A tal proposito si ricorda che le materie per le quali è previsto l'obbligo di ricorrere al procedimento di mediazione prima di avviare una vera e propria causa sono:

- condominio,

- diritti reali,

- divisione,

- successioni ereditarie,

- patti di famiglia,

- locazione,

- comodato,

- affitto di aziende,

- risarcimento del danno derivante da responsabilità medica e sanitaria

- risarcimento del danno derivante da diffamazione con il mezzo della stampa o con altro mezzo di pubblicità,

- contratti assicurativi, bancari e finanziari.

Molte di queste sono materie a elevata conflittualità, conflittualità rispetto alla quale, però, la mediazione non ha sempre riportato i risultati sperati. La prospettiva, quindi, è quella di un aggiustamento del sistema che gli permetta, specie ora che dovrebbe divenire strutturale, di esplicare al meglio le sue potenzialità deflattive.

Valeria Zeppilli
Consulenza Legale
Laureata a pieni voti in giurisprudenza presso la Luiss 'Guido Carli' di Roma con una tesi in Diritto comunitario del lavoro. Attualmente svolge la professione di Avvocato ed è dottoranda di ricerca in Scienze giuridiche – Diritto del lavoro presso l'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti – Pescara
(30/05/2017 - Valeria Zeppilli)
Le più lette:
» Carta identità elettronica: come si richiede
» Gratuito patrocinio: il tribunale non può pagare gli avvocati
» Tari: come chiedere il rimborso dal 2014
» Pensioni: Ape volontaria, pronte le convenzioni
» Diritto di recesso: cos'è e come si esercita
In evidenza oggi
Cassazione: il pedone non ha sempre ragioneCassazione: il pedone non ha sempre ragione
Autovelox: addio multa sul rettilineo senza l'altAutovelox: addio multa sul rettilineo senza l'alt

Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF