Sei in: Home » Articoli

La convivenza è intollerabile? Per la separazione non sempre serve l'istruttoria

Per il Tribunale di Milano si può prescindere da tale fase se sussistono elementi sufficienti a rendere evidente l'intollerabilità della convivenza
coppia che avvicina cuore spezzato concetto separazione

di Valeria Zeppilli – Se in una coppia si verificano delle circostanze che rendono la prosecuzione della convivenza intollerabile, il singolo coniuge acquista per ciò solo il diritto alla separazione. Come ricordato dal Tribunale di Milano con la sentenza numero 2253/2017 qui sotto allegata, infatti, tale diritto prescinde dall'addebitabilità ad un partner di condotte alla base della crisi. Ma non solo: non necessita neanche che il giudice compia una specifica istruttoria.

La rilevanza del comportamento processuale delle parti

A tal proposito, infatti, nella sentenza in commento si precisa che il giudice, "in una doverosa visione evolutiva del rapporto coniugale", per pronunciare la separazione deve verificare solo che almeno un coniuge manifesti una condizione di disaffezione al matrimonio tale da rendere incompatibile la convivenza e che tale verifica può essere fatta in base ai fatti emersi nel corso del procedimento, anche valutando il comportamento processuale di una delle parti.

E, come sancito anche dalla Corte di cassazione con la sentenza numero 2183/2013, citata dallo stesso Tribunale, se viene accertata la situazione di intollerabilità, anche in capo a un solo coniuge, la domanda di separazione costituisce l'esercizio di un diritto.

La vicenda

Nel caso di specie, molteplici erano gli elementi che, pur non essendo stata espletata una specifica istruttoria, rendevano chiara l'intollerabilità della prosecuzione della convivenza.

In particolare, "i motivi dedotti a sostegno del ricorso, i comportamenti aggressivi adottati dal marito nei confronti della moglie […], l'abbandono della casa familiare da parte del marito nel 2011, l'assenza del medesimo nel procedimento" sono tutti elementi che hanno indotto il Tribunale di Milano a pronunciare la separazione nonostante la contumacia del marito: è evidente, infatti, che "le parti non hanno più intenzione di considerarsi marito e moglie".



Tribunale di Milano testo sentenza numero 2253/2017
Valeria Zeppilli
Consulenza Legale
Laureata a pieni voti in giurisprudenza presso la Luiss 'Guido Carli' di Roma con una tesi in Diritto comunitario del lavoro. Attualmente svolge la professione di Avvocato ed è dottoranda di ricerca in Scienze giuridiche – Diritto del lavoro presso l'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti – Pescara
(06/05/2017 - Valeria Zeppilli) Foto: 123rf.com
Le più lette:
» Carta identità elettronica: come si richiede
» Gratuito patrocinio: il tribunale non può pagare gli avvocati
» Tari: come chiedere il rimborso dal 2014
» Pensioni: Ape volontaria, pronte le convenzioni
» Diritto di recesso: cos'è e come si esercita
In evidenza oggi
Cassazione: il pedone non ha sempre ragioneCassazione: il pedone non ha sempre ragione
Autovelox: addio multa sul rettilineo senza l'altAutovelox: addio multa sul rettilineo senza l'alt

Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF