Sei in: Home » Articoli
 » Condominio

Condominio: la pipì sul muro del vicino non è reato

Ricorda la Cassazione però che solo la depenalizzazione del reato ex art. 726 del codice penale salva il colpevole
uomo fa pipi sul muro di un edificio

di Valeria Zeppilli – Se fino a poco più di un anno fa fare la pipì sul muro del vicino, per dispetto, poteva essere considerato un comportamento penalmente rilevante, oggi, a seguito della recente depenalizzazione del reato di cui all'articolo 726 del codice penale, le conseguenze che rischia il colpevole di un tale gesto sono solo di carattere civile.

La vicenda

Ad alcuni quello sopra descritto potrebbe sembrare un comportamento assurdo, invece capita spesso nella realtà che i battibecchi tra vicini di casa portino al compimento di gesti un po' "estremi".

Tanto che la Corte di cassazione, con la sentenza numero 20852/2017 (qui sotto allegata), ha affrontato proprio una vicenda in cui una donna era stata sorpresa dalle telecamere di sorveglianza a urinare sul muro del vicino, con conseguente avvio di un procedimento penale a suo carico per atti contrari alla pubblica decenza e condanna da parte del Tribunale di Belluno, quale giudice dell'appello, alla pena di 70 euro a titolo di ammenda per vizio parziale di mente.

L'incontinenza non salva la donna… la depenalizzazione sì

In Cassazione la donna aveva tentato di liberarsi dalla condanna penale facendo leva, tra le altre cose, sulla propria incontinenza urinaria, testimoniata dal certificato medico prodotto agli atti del processo.

Per i giudici, però, tale motivazione non è meritevole di accoglimento: già il giudice del merito, infatti, aveva ritenuto inconsistenti le giustificazioni sull'incontinenza urinaria dato che l'imputata si trovava a pochi passi dalla propria abitazione.

Tuttavia, il reato per cui la donna era stata la condannata è stato depenalizzato ad opera dell'articolo 2 del decreto legislativo numero 8/2016. Motivo sufficiente a far decretare l'annullamento senza rinvio della sentenza impugnata.

Corte di cassazione testo sentenza numero 20852/2017
Valeria Zeppilli
Consulenza Legale
Laureata a pieni voti in giurisprudenza presso la Luiss 'Guido Carli' di Roma con una tesi in Diritto comunitario del lavoro. Attualmente svolge la professione di Avvocato ed è dottoranda di ricerca in Scienze giuridiche – Diritto del lavoro presso l'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti – Pescara
(04/05/2017 - Valeria Zeppilli) Foto: 123rf.com
In evidenza oggi:
» Manovra e decreto fiscale: le novità punto per punto
» Seggiolini salva bebé: legge in vigore dal 27 ottobre
» Multe e bollo auto: fino a mille euro debiti cancellati
» Giudici onorari minorili: ecco il bando, domande fino al 9 novembre
» Poste Italiane: 7.500 assunzioni nel 2019

Newsletter f g+ t in Rss