Sei in: Home » Articoli

La rendita catastale

Di cosa si tratta e quali sono gli strumenti utili per calcolarla
Modello di casa fatto con euro

Avv. Daniele Paolanti - La rendita catastale è un dato che assume rilievo fiscale soprattutto perché con lo stesso si può conoscere il valore dell'immobile ai fini del calcolo delle varie imposte, come l'Imposta municipale sugli immobili. Iniziamo con la disamina del dato normativo, facendo riferimento al Regio decreto-legge 13 aprile 1939, n. 652, il cui articolo 23 così dispone: "La rendita catastale calcolata ai sensi dei precedenti articoli per ciascuna unità immobiliare, costituisce la base per la determinazione, nei modi che saranno stabiliti per legge, del reddito imponibile soggetto alle imposte ed alle sovraimposte". La rendita catastale viene calcolata sulla base di due parametri, ovvero le dimensioni dell'immobile e l'estimo. Le dimensioni dell'immobile si intendo riferite non solo alla superficie ma anche alla quantità dei vani, mentre per estimo si intende il valore numerico assegnato all'immobile in base alla zona di ubicazione.

Come calcolare la rendita catastale

Entro 30 giorni da quando una costruzione diviene agibile in relazione alla destinazione d'uso prevista, il proprietario è tenuto a chiedere all'Agenzia del Territorio (potendo all'uopo incaricare un tecnico) l'attribuzione della rendita catastale. Se la rendita attribuita è diversa da quella proposta, il contribuente può ricorrere attraverso la rettifica effettuata dall'Agenzia del Territorio. È la stessa Agenzia del territorio a dover notificare la rettifica al soggetto interessato entro il termine di un anno. Decorso inutilmente questo termine la rendita proposta diventa definitiva. Le rendite catastali possono essere consultate accedendo ad un servizio che viene offerto dall'Agenzia delle Entrate ed accessibile al link http://www.agenziaentrate.gov.it/wps/content/nsilib/nsi/home/servizi+online/serv_terr/senza_reg/consultazione+rendite+catastali.

La giurisprudenza

La suprema Corte ha ammesso che "In tema di classamento di immobili, qualora l'attribuzione della rendita catastale avvenga a seguito della procedura disciplinata dal D.L. 23 gennaio 1993, n. 16, art. 2 convertito, con modificazioni, in L. 24 marzo 1993, n. 75, e dal D.M. 19 aprile 1994, n. 701 (cosiddetta procedura DOCFA), l'obbligo di motivazione dell'avviso di classamento è soddisfatto con la mera indicazione dei dati oggettivi e della classe attribuita solo se gli elementi di fatto indicati dal contribuente non siano stati disattesi dall'Ufficio e l'eventuale discrasia tra rendita proposta e rendita attribuita derivi da una valutazione tecnica sul valore economico dei beni classati, mentre, in caso contrario, la motivazione dovrà essere più approfondita e specificare le differenze riscontrate sia per consentire il pieno esercito del diritto di difesa del contribuente sia per delimitare l'oggetto dell'eventuale contenzioso" (Cassazione civile, sez. VI, 16/06/2016, (ud. 26/05/2016, dep.16/06/2016),  n. 12497). Ancora, sempre la Suprema Corte sul punto, rileva che "In virtù della combinazione della normativa fiscale e di quella codicistica, tutte le componenti che contribuiscono in via ordinaria ad assicurare, ad un'unità immobiliare, una specifica autonomia funzionale e reddituale nel tempo, sono da considerare elementi idonei a descrivere l'unità stessa ed influenti rispetto alla quantificazione della relativa rendita catastale, come da ultimo confermato dalla norma d'interpretazione autentica contenuta nella L. n. 190 del 2014, art. 1, comma 244", che rimanda alla circolare dell'Agenzia del Territorio n. 6 del 30 novembre 2012, con riferimento alla determinazione della rendita catastale delle unità immobiliari a destinazione speciale o particolare" (Cassazione civile, sez. trib., 20/04/2016, (ud. 15/12/2015, dep.20/04/2016),  n. 7868).

Daniele PaolantiDaniele Paolanti - profilo e articoli
E-mail: daniele.paolanti@gmail.com Tel: 340.2900464
Vincitore del concorso di ammissione al Dottorato di Ricerca svolge attività di assistenza alla didattica.
(04/03/2017 - Avv.Daniele Paolanti)
Le più lette:
» Carta identità elettronica: come si richiede
» Gratuito patrocinio: il tribunale non può pagare gli avvocati
» Tari: come chiedere il rimborso dal 2014
» Pensioni: Ape volontaria, pronte le convenzioni
» Diritto di recesso: cos'è e come si esercita
In evidenza oggi
Cassazione: il pedone non ha sempre ragioneCassazione: il pedone non ha sempre ragione
Autovelox: addio multa sul rettilineo senza l'altAutovelox: addio multa sul rettilineo senza l'alt

Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF