Sei in: Home » Articoli

Valutazione dei militari: qual è il ruolo del giudice?

L'amministrazione gode di ampia discrezionalità mentre la magistratura svolge solo un controllo esterno
Militare esercito soldato Armi
Avv. Francesco Pandolfi - L'Amministrazione dispone di ampia discrezionalità in questo settore, mentre la Magistratura svolge una funzione di controllo esterno.

Nel mondo militare, i giudizi sul rendimento, sulle capacità lavorative e sulle attitudini del personale sono una tipica valutazione di merito.

Che cosa significa?


In buona sostanza la valutazione è riservata all'Amministrazione, in ragione della conoscenza di specifici contenuti dell'attività lavorativa e del contesto istituzionale in cui questa si svolge.
Va detto che si tratta di un contesto peculiare, che non trova corrispondenza in altri ambiti lavorativi.

In questo quadro, bisogna quindi chiedersi se rimane o no spazio per i Giudici nel sindacare le valutazioni?

Ebbene, la risposta a questa domanda non è semplice.

Diciamo che si può rispondere affermando che al giudice amministrativo non è consentito sostituirsi all'autorità competente nel valutare se una qualità è o meno posseduta dal valutando, ne se la mancanza contestata sia o meno rilevante, ne se il rendimento lavorativo del dipendente sia o meno superiore alla media.

Però i Magistrati possono controllare l'esistenza di eventuali profili di eccesso di potere, inteso anche come sindacato di ragionevolezza e proporzionalità.

Ad esempio, nel caso in cui i fatti accertati e posti a fondamento del giudizio valutativo siano insussistenti oppure, anche se esistenti, siano stati travisati nel loro valore inducendo a valutazioni inverosimili.
In altri termini, deve trattarsi di errori talmente evidenti da essere percepibili da chiunque.

In pratica


I Giudici intervengono in questa materia nel caso in cui i fatti valutati siano insussistenti o travisati nel loro valore.

Altre informazioni su questo argomento?

Contatta l'avv. Francesco Pandolfi

3286090590
francesco.pandolfi66@gmail.com
Francesco Pandolfi
E-mail: francesco.pandolfi66@gmail.com - Tel: 328.6090590
Recapiti: Via Giacomo Matteotti 147, 4015 Priverno LT
Si occupa principalmente di Diritto Militare in ambito amministrativo, penale, civile e disciplinare ed è autore di numerose pubblicazioni in materia.
Altre informazioni su questo argomento? Richiedi una consulenza all'Avv. Pandolfi
(12/02/2017 - Avv.Francesco Pandolfi)
Le più lette:
» La responsabilità oggettiva
» Il reato di ricettazione
» Opposizione a decreto ingiuntivo: inammissibile per nullità della notifica via pec
» L'accollo
» Avvocati: prestazione sospesa se il cliente non paga
In evidenza oggi
Responsabilità medica: la prova del danno spetta al pazienteResponsabilità medica: la prova del danno spetta al paziente
Rischia il carcere senza condizionale il padre che non mantiene i figliRischia il carcere senza condizionale il padre che non mantiene i figli

Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF