Sei in: Home » Articoli

Pensioni: fino al 31 dicembre per chiedere il rimborso

Per mettersi al riparo, chi spera di ottenere indietro tutti gli arretrati per il blocco delle rivalutazioni deve attivarsi entro il prossimo 31 dicembre
pensionati id8668

di Valeria Zeppilli – I pensionati che hanno intenzione di chiedere il rimborso delle somme perse a seguito della mancata perequazione attuata dalla legge Fornero devono affrettarsi: il prossimo 31 dicembre, infatti, scatteranno le prime prescrizioni.

La sentenza della Consulta

Con sentenza numero 70 del 30 aprile 2015 la Corte costituzionale ha infatti bocciato la Legge Fornero nella parte in cui aveva sancito il blocco delle rivalutazioni negli anni 2012 e 2013 per le pensioni che superavano l'importo lordo di 1.450 euro mensili (1.088 netti).

In tal modo, il governo aveva fatto cassa per oltre 10 miliardi di euro nel biennio, a scapito di circa 6 milioni di pensionati.

Il Bonus Poletti

Preso atto della bocciatura della Consulta, il governo Renzi ha emanato un apposito decreto legge (n. 65/2015) con il quale si è riconosciuto un bonus, denominato "Bonus Poletti" (dal nome dell'attuale Ministro del lavoro), per tutti i pensionati colpiti dal blocco delle rivalutazioni, con restituzione di un importo medio di appena 500 euro, destinato solo alle pensioni di ammontare non superiore a 3mila euro lordi.

Numerosissimi provvedimenti delle magistrature contabile e ordinaria, tuttavia, a fronte di questo riconoscimento solo parziale, hanno accolto i ricorsi dei pensionati, con i quali la costituzionalità del bonus è stata messa in discussione.

L'allarme del Codacons e dei sindacati

Nel frattempo, fintanto che la questione non sarà formalmente risolta, il termine massimo per poter chiedere il rimborso di quanto non restituito ai pensionati si sta avvicinando. Almeno quello da rispettare se si vuole aver indietro tutto l'importo spettante a titolo di rivalutazione monetaria, senza attendere per forza le sorti del Bonus Poletti.

E l'allarme è arrivato anche dal Codacons e dai sindacati dei pensionati di Cgil, Cisl e Uil, che hanno invitato tutti i pensionati coinvolti ad attivarsi entro la fine dell'anno per bloccare la prescrizione, diffidando formalmente l'Inps.

Chiaramente, anche dal 1° gennaio 2017 gli arretrati dovuti potranno essere richiesti, ma non integralmente: si potrà sperare, infatti, di riavere indietro solo le somme per le quali non sia ancora intervenuta la prescrizione.

A tal proposito si ricorda che, per effetto del decreto legge numero 98/2011, i ratei pensionistici si prescrivono in cinque anni.

Valeria Zeppilli
Consulenza Legale
Laureata a pieni voti in giurisprudenza presso la Luiss 'Guido Carli' di Roma con una tesi in Diritto comunitario del lavoro. Attualmente svolge la professione di Avvocato ed è dottoranda di ricerca in Scienze giuridiche – Diritto del lavoro presso l'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti – Pescara
(24/12/2016 - Valeria Zeppilli)
Le più lette:
» Curriculum vitae europeo: guida, fac-simile e consigli pratici
» Equitalia: nulle le cartelle esattoriali a mezzo pec col pdf
» Il reato di ricettazione
» Il permesso di soggiorno
» Avvocati: acquisto strumenti informatici al 50%
In evidenza oggi
Opposizione a decreto ingiuntivo: inammissibile per nullità della notifica via pecOpposizione a decreto ingiuntivo: inammissibile per nullità della notifica via pec
Avvocati: prestazione sospesa se il cliente non pagaAvvocati: prestazione sospesa se il cliente non paga

Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF