Sei in: Home » Articoli

Insultare i vicini gay è stalking

Ripetuti insulti e le vessazioni omofobe possono assumere tutti i connotati richiesti per l'integrazione del reato di atti persecutori
omosessuali

di Valeria Zeppilli – Insultare i vicini gay è un comportamento che ha tutte le carte in regola per essere considerato stalking.

Tanto ad esempio è accaduto ad un uomo torinese che è stato condannato a un anno di reclusione con la sospensiva e al pagamento di una provvisionale di 5mila euro per atti persecutori, proprio per aver rivolto ai suoi vicini di casa, gay, continui insulti e vessazioni.

Il Tribunale di Torino, con una sentenza le cui motivazioni sono state depositate nei giorni scorsi, ha infatti ritenuto che da tale condotta sia derivato un mutamento delle abitudini di vita della coppia e uno stato di ansia e di paura in capo alle vittime idoneo ad integrare il reato di stalking.

Nulla di nuovo, a parte l'importanza di una simile pronuncia per la battaglia che il mondo omosessuale combatte quotidianamente contro le discriminazioni poste in essere nei suoi confronti.

Del resto, si ricorda, ai sensi dell'articolo 612-bis del codice penale il reato di atti persecutori si configura ogni qual volta un soggetto "con condotte reiterate, minaccia o molesta taluno in modo da cagionare un perdurante e grave stato di ansia o di paura ovvero da ingenerare un fondato timore per l'incolumità propria o di un prossimo congiunto o di persona al medesimo legata da relazione affettiva ovvero da costringere lo stesso ad alterare le proprie abitudini di vita".

Quanto deciso dal Tribunale torinese, quindi, è un principio che dal caso di specie può essere esteso tranquillamente a tutte le ipotesi simili in cui, senza alcuna ragione diversa dalla propria sessualità, delle persone siano prese di mira in maniera costante, ripetuta e pesante, subendo delle ripercussioni psicologiche che non possono esse trascurate.

Vedi anche:
La guida completa sul reato di stalking
Valeria Zeppilli
Consulenza Legale
Laureata a pieni voti in giurisprudenza presso la Luiss 'Guido Carli' di Roma con una tesi in Diritto comunitario del lavoro. Attualmente svolge la professione di Avvocato ed è dottoranda di ricerca in Scienze giuridiche – Diritto del lavoro presso l'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti – Pescara
(25/11/2016 - Valeria Zeppilli)
Le più lette:
» Il reato di ricettazione
» Opposizione a decreto ingiuntivo: inammissibile per nullità della notifica via pec
» Il permesso di soggiorno
» Avvocati: prestazione sospesa se il cliente non paga
» Addio assegno di divorzio per l'ex autosufficiente anche se il marito è miliardario
In evidenza oggi
Condominio: l'acqua non si stacca ai morosiCondominio: l'acqua non si stacca ai morosi
Accedere all'email altrui è reato anche se si conosce la passwordAccedere all'email altrui è reato anche se si conosce la password

Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF