Sei in: Home » Articoli
 » Avvocatura

Avvocati: ecco gli antivirus gratis per mettere in sicurezza il pc

Per i professionisti difendere il proprio computer e la sicurezza del lavoro può anche essere un'attività a costo zero
uomo al computer attrezzato contro i virus concept di intercettazioni

di Valeria Zeppilli – La sicurezza del proprio computer è una priorità per gli avvocati: la riservatezza dei dati trattati e la particolare delicatezza dei documenti di lavoro impone un'attenzione particolare su tale aspetto della gestione dello studio legale.

E la sicurezza, si sa, passa anche e soprattutto dalla scelta dell'antivirus.

Se le finanze non permettono di optare per un programma a pagamento, tuttavia, non bisogna disperare: sono infatti disponibili molti buoni prodotti gratuiti in grado di garantire in maniera adeguata la sicurezza del proprio pc. Essi possono essere scaricati accedendo ai rispettivi siti web e seguendo le semplici operazioni guidate di installazione di volta in volta richieste.

Vediamo quali sono i principali programmi, tutti disponibili per windows, mac e android.

AVG

Innanzitutto si segnala AVG, un antivirus che non crea particolari problemi se non quello rappresentato dalle numerose notifiche mostrate sul pc nel corso della giornata lavorativa e che potrebbero risultare fastidiose. In fase di installazione è consigliabile rifiutare l'installazione di AVG Web TuneUp, un componente aggiuntivo per il browser che appesantisce il computer senza portare particolari benefici.

Avira

Un altro ottimo antivirus gratuito è rappresentato da Avira, anch'esso disponibile per windows, mac e android.

La versione free, tuttavia, ha un importante limite che potrebbe essere reputato rilevante da molti avvocati, visto il cospicuo utilizzo della posta elettronica che caratterizza la professione: l'assenza di un modulo per il controllo delle e-mail, offerto soltanto con la versione a pagamento.

Bitdefender

Gli operatori del settore consigliano spesso caldamente Bitdefender, ovverosia un antivirus gratuito molto "discreto" ma non per questo meno efficace, anzi!

La sua installazione, tuttavia, richiede un passaggio in più rispetto a molti altri antivirus gratuiti, ovverosia la registrazione (sempre free) al network MyBitdefender, necessaria per evitare che, trascorsi 30 giorni dal download, l'antivirus smetta di proteggere il pc.

Panda

Se non si vuole sovraccaricare troppo il proprio computer e si ha la necessità di lasciare leggeri il processore e la RAM, l'antivirus gratuito migliore è rappresentato da Panda.

Alcune delle operazioni di protezione, infatti, sono gestite da questo programma mediante dei server remoti utilizzando il cloud. Il che, oltre al vantaggio di non appesantire troppo il pc, comporta anche il vantaggio di non dover aggiornare molte delle definizioni.

Avast

Un altro antivirus gratuito molto diffuso è Avast che tuttavia sta perdendo posizioni rispetto agli altri "competitor".

Il motivo principale è rappresentato dalla raccolta dei dati a fini statistici e delle numerose finestre di dialogo che apre quando il pc è in funzione. Elementi, questi, che lo rendono poco amato da chi col computer deve lavorare.


Si segnala, infine, che alcuni antivirus gratuiti non dialogano bene con i software utilizzati per il processo civile telematico, il che potrebbe indurre a rivedere la propria scelta per raggiungere una perfetta combinazione tra i due programmi.

Valeria Zeppilli
Consulenza Legale
Laureata a pieni voti in giurisprudenza presso la Luiss 'Guido Carli' di Roma con una tesi in Diritto comunitario del lavoro. Attualmente svolge la professione di Avvocato ed è dottoranda di ricerca in Scienze giuridiche – Diritto del lavoro presso l'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti – Pescara
(09/12/2016 - Valeria Zeppilli) Foto: 123rf.com
In evidenza oggi:
» Divorzio: niente assegno alla ex che da separata conduce una vita dignitosa
» Avvocati: è necessario cancellarsi dall'albo per andare in pensione
» Tredicesima: a chi spettano i 154 euro in più?
» Il disconoscimento di paternità - guida con fac-simile
» La messa alla prova


Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF